Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 29 / 2017

Anno I - Num. 05 - 16 febbraio 2013 Poesie

U poeta munzignaru

(Traduzione a lato)

di Pietro Ciccarelli
         
U poeta munzignaru
Il poeta bugiardo

Ditemi una cosa? Ma sul serio il poeta è bugiardo o dice la verità? Quando il poeta si siede davanti ad un tavolino e comincia a raccontare i suoi fatti, mette l’una di seguito all’altra parole tanto per commuovere, giusto per sentirsi importante per cercare l’approvazione dagli amici e cercare in tanti che gli dicono: bravo. Lui non ci crede neanche più,lui già sa quanti sono quelli che gli dicono bravo per finta (tanto per compiacerlo) quelli che non capiscono il dialetto. Ma una parola dietro l’altra fanno una poesia? Giammai!!: poeta di poco conto. La poesia è un’altra cosa. Tu lo sai e non puoi essere bugiardo

Dicidimi ‘na cosa: ma pi davveru?
U poeta è munzignaru o dici a verita?
U poeta quannu s’assitta a u tavulinu
Mindi a cuntari i so fatti
Mindi apprissu palori teniri
Accussì tantu pi cummoviri l’andri
Accussì pi sentirisi ‘mportanti
Pi circari u prosita d’amici
Pi circari tanti ca ti dicinu bravu.

Iddu un ci cridi chiù oramà
Iddu u sapi quanti sunnu
Chiddi ca dicinu bravu pi fintica
Chiddi ca nu capiscinu u dialettu
Chiddi ca capiscinu i palori
Na palora apprissu a l’autra
Fani na poesia?
Nonsì, poeta di quattru sordi
A poesia è ‘n’antra cosa
Tuni u sa e u po’ essiri
Munzignaru

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*