Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno X - Num. 49 - 23 giugno 2022

Anno IV - Num. 22 - 04 maggio 2016 Cultura e spettacolo

#dirittiallamoda Cambiamo abito. Per una moda consapevole

di Redazione TrinacriaNews
         

#dirittiallamoda URL IMMAGINE SOCIALUnire l’etica all’estetica nella filiera produttiva nella moda, eliminando l’utilizzo delle sostanze tossiche nel processo di realizzazione dei tessuti.

Obiettivo: arrivare a rendere i consumatori  consapevoli e far loro valutare al momento dell’acquisto non solo il livello di prezzo di un capo ma anche il costo reale, sociale e ambientale, che si cela dietro un prodotto di moda.

E’ quanto si prefigge Altroconsumo che presenta i risultati dell’indagine Cambiamo abito, dossier che ripercorre le diverse esperienze, tra innovazione e tentativi di sensibilizzazione, riunendo oggi a Palermo, al convegno #dirittiallamoda, esperti di settore e opinion maker.13266101_512479575613106_8150966651952356234_n

Nel mirino ci sono undici classi di sostanze pericolose per l’ambiente e per la salute, tra cui flalati, alchilfenoli, etossilati, PFC, ammine associate a coloranti azoici, metalli pesanti.

Sostanze ricercate nei test sul tessile e in diversi casi rintracciate. Sui pigiamini per bambini trovati flatati e coloranti,; sulla biancheria intima coloranti, solventi, metalli pesanti, nonilfenolo e nonilfenololetossilato; sui jeans tracce di metalli pesanti e formaldeide; sulle maglie da calcio tracce di metalli.

Altroconsumo ne chiede l’eliminazione e non la semplice riduzione. Quando ci sono di mezzo sostanze tossiche, non esiste una soglia concentrazione sotto la quale il problema diventa accettabile, essendo tutti noi contemporaneamente esposti a più fonti tossiche, rischiando dunque l’effetto cocktail. Da sottolineare: i residui rintracciabili sul prodotto finito equivalgono solo a una piccolissima parte della quantità usata nelle filiere di produzione: la maggior parte è già finita nell’ambiente.

Altroconsumo si impegna a nome di tutti i consumatori: vestire più green e sostenibile non deve essere appannaggio di pochi eletti a prezzi irraggiungibili ma un modo di pensare, vivere e scegliere i capi di abbigliamento responsabile e attento alla salvaguardia dei diritti, al rispetto dell’ambiente, al premiare le aziende virtuose per spingere tutto il settore a migliorarsi.

Fornire a chi acquista strumenti concreti, come l’etichetta consapevole che racconti la storia produzione del capo, una smart label, diffondendo la cultura della valutazione oggettiva e della scelta attiva innescherà un processo virtuoso tra una domanda più cosciente e un offerta più pulita.

www.altroconsumo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*