Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 43 - 1 settembre 2020

Anno VIII - Num. 43 - 01 settembre 2020 Cultura e spettacolo

Al Teatro Biondo di Palermo cominciano le lezioni del primo corso di laurea in “Recitazione e professioni della scena”,

di Redazione TrinacriaNews
         

Ha preso il via stamattina al Teatro Montevergini di Palermo il primo corso per attori, registi e drammaturghi del nuovo Corso di laurea in “Recitazione e professioni della scena”, organizzato dal Teatro Biondo di Palermo e dall’Università degli Studi di Palermo in collaborazione con la Fondazione Andrea Biondo. A dare il benvenuto ai 25 allievi e allieve provenienti da tutta Italia, c’erano la Direttrice del Teatro Biondo Pamela Villoresi, che ha portato i saluti del Presidente Giovanni Puglisi e ha ricordato ai giovani quanto sia importante impegnarsi in questo percorso formativo pratico e teorico, una scelta professionale ma anche esistenziale; il Rettore Fabrizio Micari, che ha sottolineato l’importanza e l’esclusività del rapporto col Biondo, unico esempio in Italia; la Direttrice del Dipartimento di Scienze Umanistiche prof. Francesca Piazza, il Coordinatore del Dams prof. Salvatore Tedesco, la Coordinatrice della Scuola Ornella Vannetti e i Tutor Fabrizio Falco e Davide Cirri.

Il Sindaco Leoluca Orlando, collegato telefonicamente, ha salutato gli allievi e le allieve esprimendo il proprio augurio per l’inizio di questo nuovo percorso: «Una significativa esperienza – ha detto – che conferma la vocazione nazionale del Teatro Biondo ed allo stesso tempo l’investimento che da Palermo si rivolge al paese per confermare la cultura e i giovani come motore per lo sviluppo delle nostre comunità». La Scuola formerà un gruppo selezionato di attori, registi e drammaturghi, ai quali verrà fornita una preparazione accademica di altissimo livello secondo i requisiti ministeriali della classe di Lauree Dams, insieme con una formazione professionale sul lavoro dell’attore, del regista, del drammaturgo, che coinvolgerà alcune delle figure più significative della scena teatrale nazionale e internazionale. A seguito del bando pubblicato la scorsa estate, sono giunte all’Università diverse candidature da tutta Italia; un’apposita commissione, composta da rappresentanti dell’Università e del Teatro Biondo, ha selezionato 15 allievi attori, 5 allievi registi e 5 allievi drammaturghi di età compresa tra i 19 e i 30 anni: 22 sono siciliani, di cui 10 palermitani, mentre gli altri tre provengono dalla Calabria, dalle Marche e dal Friuli-Venezia Giulia. 

Teatro Biondo Palermo via Roma, 248 / tel. 091 7434395 / www.teatrobiondo.it

Dopo tre anni dedicati allo studio universitario, secondo le metodologie di ricerca più aggiornate, alla pratica attoriale e teatrale ed alla frequentazione delle principali lingue di cultura del Mediterraneo, i giovani laureati concluderanno il loro percorso con uno spettacolo prodotto dal Teatro Biondo. La Fondazione Andrea Biondo partecipa all’accordo tra Unipa e Teatro Biondo attraverso il pagamento delle quote di iscrizione alla Scuola di teatro degli studenti iscritti all’Università. Il piano di studi prevede, tra gli altri, gli insegnamenti teorici di “Storia del teatro e dello spettacolo”, “Storia della regia e della recitazione”, “Storia del cinema”, “Storia della danza”, “Drammaturgia musicale e regia d’opera”, “Estetica e teoria dei linguaggi”, “Organizzazione dello spettacolo” e lo studio delle lingue straniere, tra cui l’arabo, mentre al Teatro Biondo saranno impartite, tra le altre, lezioni di Recitazione, Scrittura, Fonetica, Dizione, Danza, Canto. Sono previsti anche laboratori e corsi con artisti di fama nazionale e internazionale come Eugenio Barba, Irina Brook, i danzatori del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, Pamela Villoresi, Fabrizio Falco, Galatea Ranzi ed altri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*