Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 44 - 16 novembre 2020

Anno II - Num. 07 - 10 luglio 2013 Cultura e spettacolo - Sport

Presentazione del libro di Rosario Carraffa e Daniele Di Frangia, “La Grande Storia dei Derby Palermo Catania”

di Gualtiero Sanfilippo
         

locandina libroPALERMO – Il Derby di Sicilia. Già, il Derby di Sicilia. Un mito, quasi una leggenda per grandi e piccini che considerano la partita tra Palermo e Catania come un campionato a parte. Non si considerano i tre punti, non si considerano gli infortuni e non si considerano i cartellini gialli, il cui numero è in costante rialzo. Solamente l’orgoglio e la soddisfazione di poter dire abbiamo vinto o nel caso contrario, il non volere uscire da casa per incontrare il tuo amico tifoso che ti ricorda la sconfitta.

I giovani sportivi e i più anziani sono un’enciclopedia vivente di statistiche, numeri vari ed emozioni legate al Derby di Sicilia. Ma certamente ognuno di noi desidererebbe una prova tangibile, magari un vero e proprio dizionario sportivo in merito che possa elencare e raccontare tutti i capitoli sportivi che hanno coinvolto Palermo e Catania.

Senza omettere nulla, raccontandone i più oscuri o folkloristici retroscena. Dal tifoso con il panino con la cotoletta in mano fino ad arrivare all’arbitro corrotto. Un libro che possa racchiudere spirito e sentimento di una partita che si svincola dal concetto economico dello sport o a quello utilitaristico legato agli obiettivi di classifica. Un libro che parla della partita, della battaglia e di tutti i suoi eroi.

Siamo abituati a studiare la storia e la letteratura che è nettamente influenzata dalla storia. E ci siamo abituati al concetto che la storia è scritta dai vincitori, ecco, il Derby di Sicilia è l’alternativa, l’esperienza che propone sempre e comunque due vincitori che sostengono una causa comune: la Sicilia.

E anche quando una delle due squadre annienta positivamente l’altra a suon di gol, c’è sempre qualcuno pronto a ricordarsi di chi era l’avversario. Così, via a sano sfottò e alla competizione che ha contraddistinto negli anni il gioco del calcio siciliano.

Ecco, particolari tratti ed inediti retroscena che racchiudono quanto scritto sopra sono compresi tra le pagine del libro di Rosario Carraffa e Daniele Di Frangia, “La Grande Storia dei Derby Palermo Catania” Edizioni della Sera, 2013.

TrinacriaNews li ha intervistati in occasione della presentazione del libro alla Feltrinelli di Palermo:

Raccontateci l’esperienza di scrittura di questo libro:

CarraffaCarraffa: “Questo è un libro che ripercorre la storia di tutti i Derby, dal 1935 fino all’ultimo terminato 1-1 nel 2013. Settantotto anni di Derby raccontati attraverso le curiosità e la storia delle due società. Una storia, spesso e volentieri burrascosa per entrambe le squadre. Un libro che custodisce dei retroscena sconosciuti ai fans del calcio siciliano. Abbiamo impiegato tutte le nostre energie in questo progetto ed oggi, io e Daniele pensiamo di presentare un ottimo volume”.

Se provassimo a svelare uno di questi retroscena in anticipo, quale diresti in esclusiva a Trinacrianews?

Di Frangia: “Certamente sono le testimonianze che abbiamo raccolto. Testimonianze di gente che ha fatto la storia di Catania e Palermo, come Spinesi e Vasari. Abbiamo intervistato Bucciarelli, Galeoto, La Grotteria, Zauli, Cantarutti, Oliveira e Legrottaglie. Un libro pieno di episodi curiosi. Negli ultimi anni è stato semplice monitorare le azioni in campo con le telecamere e la televisione, ma negli anni ’30-’40 non era possibili, lasciando all’ombra delle vicende davvero particolari e simpatiche che si trovano all’interno libro”.

All’interno di questa nuova proposta editoriale, siete riusciti a svincolarvi dal vostro status di tifosi?

Carraffa: “In questo libro, sinceramente, siamo stati autori e particolarmente obiettivi. Noi per lavoro seguiamo entrambe le squadre, però siamo riusciti ad essere parziali ed abbiamo raccontato tutto senza essere influenzati dal nostro tifo”.

Il calcio siciliano può essere un modello per tutti gli sportivi. Secondo voi, questo libro può essere un esempio per tutti i giovani sportivi che sperano di giocare un giorno il Derby?

Di FrangiaDi Frangia: “Io mi auguro di si. Abbiamo raccontato storie siciliane e quindi, mi auguro che il messaggio sia passato.  Il messaggio legato ad uno sport sano e autentico. Da catanese e da siciliano in generale, spero che il Palermo risalga in Serie A per poter rivedere nuovi Derby, perché senza questa partita d’Eccellenza, il calcio siciliano perde molto”.

Schede Biografiche

ROSARIO CARRAFFA, nato a Palermo il 16 maggio 1978, giornalista, è da novembre 2008 Direttore responsabile di TuttoPalermo.net. Ha svolto studi economici e ha collaborato dal 2003 a oggi con diversi giornali tra i quali La Notizia Sportiva, Il Codino Parlante, Sicilia News Sport, Tutto Mercato Web, Palermoparla, occupandosi di diversi argomenti. Ha scritto dal 2004 al 2005 per la rivista ufficiale dell’U.S. Città di Palermo, Forza Palermo Sette. Dal 2010 conduce con la redazione di TuttoPalermo.net il programma Giovedì nel Pallone sulle frequenze di Radio In. Conosciuto giornalista e Maestro ed Istruttore di diverse discipline sportive. Ha diretto anche altri giornali.

DANIELE DI FRANGIA: nasce a Catania il 2 febbraio 1984. Dopo gli studi in Scienze della Comunicazione nella città siciliana, consegue la laurea in Editoria, Media e Giornalismo all’Università Carlo Bo di Urbino. Rientra in Sicilia e inizia l’esperienza a “Catanista” format sulle vicende della squadra rossazzurra in onda sulle frequenze di Radio Smile. Giornalista pubblicista, collabora con il periodico La Voce e con giornali online come SiciliaMediaWeb e SiciliaNews24.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*