Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 42 - 7 giugno 2020

Anno I - Num. 04 - 05 dicembre 2012 Cultura e spettacolo

Mostra personale dell’artista siciliano Rosario Tornese un Guizzo, un Tenebrore

(Ascolta le audiointerviste al maestro Tornese e al presidente della Provincia di Palermo Avanti)

di Vilma Maria Costa
         

Palermo – Ci troviamo al Loggiato San Bartolomeo per l’inaugurazione della mostra personale  un Guizzo, un Tenebrore del pittore siciliano Rosario Tornese. La mostra sarà visitabile sino al 30 dicembre 2012.

Protagonisti delle opere del maestro Tornese sono gli insetti e questo interessamento dell’artista per questi esseri viventi potrebbe suscitare nel visitatore due reazioni diverse e contrarie: curiosità o repulsione.

Proprio per soddisfare entrambe queste sensazioni è importante visitare la mostra di Tornese, il quale durante l’inaugurazione ha detto al pubblico intervenuto: ho desiderato abbattere particolari fobie che sono dentro di noi, ho fatto da medium tra un piccolo mondo che vive accanto a noi e il nostro.

Una ricerca artistica quella di Tornese su queste creature e la loro rappresentazione su tela che parte dal 2008 per arrivare ai nostri giorni con la realizzazione di queste opere in esposizione.

Opere tutte di grandi dimensioni dove i colori dello sfondo della tela, a seconda dell’insetto ritratto e dei suoi colori, esaltano il soggetto rappresentato creando un contrasto cromatico che lo esalta, lo rende tridimensionale e vivo. Due le tecniche utilizzate per la loro realizzazione: olio e acrilico. Due tecniche che hanno diversi tempi di asciugatura e anche, quindi, di stesura sulla tela, ma che servono all’artista per creare un gioco di colori, di rilievi e colature che viene aiutato dagli elementi olio-acqua tipici delle due tecniche adoperate.

Gli insetti di Tornese sembrano volersi staccare dalla tela e volare o muoversi in mezzo a noi con il desiderio di suggerire che sono esseri che fanno parte della natura come qualsiasi altro essere vivente e che nella loro complessità morfologica e dinamica sono di grande bellezza.

Presentazione mostra Tornese

Il presidente della Provincia di Palermo Giovanni Avanti durante la presentazione della mostra ha detto: il loggiato San Bartolomeo, che è il più importante dopo il Palazzo Sant’Elia, presenta una peculiarità diversa rispetto a quest’ultimo in quanto la luce del giorno e i raggi solari illuminano gli interni e le opere esposte dando la possibilità al visitatore di cogliere alcuni aspetti che potrebbero non scorgersi con la luce artificiale. La Provincia di Palermo intende promuovere la varietà artistica del territorio e da quattro anni si allestiscono mostre negli spazi gestiti, appunto, dalla Provincia e Rosario Tornese in questo modo ha avuto l’opportunità per continuare ad affermarsi nello scenario artistico e a dimostrare una valenza importante.

Il critico d’arte Aldo Gerbino così si è espresso, sempre durante la presentazione della mostra, nei confronti delle opere di Tornese: l’espressionismo di Rosario Tornese va verso la natura e in particolare verso la pagina entomologica degli insetti che è un modo complesso e variegato. Non vuole essere una mostra entomologica, ma una mostra per la vita del nostro Pianeta, si vuole trasmettere un messaggio che riguarda il desiderio che questa vita possa essere mantenuta nel miglior modo possibile. Tornese è un artista che guarda alla tradizione e nello stesso tempo all’avanguardia, si tratta di quadri estremamente moderni che non indugiano nella leziosità, ma vanno direttamente al cuore del problema, cioè alla visione esistenziale del nostro Pianeta che si ha attraverso questi volatili.

I testi in catalogo sono di Dora Favatella Lo Cascio, direttore del Museo d’Arte Contemporanea Guttuso di Villa Cattolica a Bagheria e di Arrigo Musti, artista siciliano che ha partecipato a mostre internazionali e alla biennale di Venezia del 2011. Inoltre, la mostra e il catalogo, edito da Plumelia, sono stati curati dal critico d’arte Aldo Gerbino. La comunicazione artistica è stata realizzata dalla creativa Elisa Martorana.

Le sale della mostra di TorneseLa direttrice del Museo Guttuso, Dora Favatella Lo Cascio, scrive in catalogo […] Rosario Tornesesi incanala nel solco dei pittori che involontariamente cercano l’essenza delle cose. Non frustrato dalla forma a tutti i costi, egli ricerca, come potrebbe fare un sottile antropologo, uno smantellamento delle certezze. […] i panorami di Rosario Tornese sono piccoli, anzi infinitesimali, ma ci inducono a scorgere l’universo dei nostri dubbi e delle nostre paure. Sembra, tuttavia, una pittura che seppur naturale è figlia di tormenti interiori e sofferte sperimentazioni.

L’artista Arrigo Musti così scrive in catalogo: Solo il grande vede nel piccolo la grandezza del creato. Lui lo fa con naturalezza, ma anche con maestria. […] L’arte necessita di rinnovamento e questo risiede non nella bizzarria o nel tentativo di essere fedele alle mode, ma nello struggimento di essere noi stessi contro tutto e tutti. Dove l’impensabile diventa protagonista […].

Abbiamo intervistato il Presidente della Provincia Giovanni Avanti

(ascolta l’audiointervista in alto)

Ecco le domande che gli abbiamo rivolto

  1. Questa mostra cosa significa per la Provincia? La Provincia ha in programma altre mostre sempre al Loggiato San Bartolomeo?
  2. Partecipano a queste mostre soltanto artisti siciliani?
  3. Un artista con un bel curriculum cosa deve fare per ottenere questo spazio espositivo?

 

Abbiamo intervistato il maestro Rosario Tornese

(ascolta l’audiointervista in alto)

Ecco le domande che gli abbiamo rivolto

  1. Da dove nasce la scelta del titolo di questa mostra: un Guizzo un Tenebrore?
  2. Le sue opere hanno come protagonisti insetti, rettili e aracnidi, perché ha scelto questi soggetti?
  3. Lei utilizza nella realizzazione delle sue opere soprattutto due tecniche, quella ad olio e quella acrilica che richiedono due tempi diversi di asciugatura, come fa a gestire le due tecniche?

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*