Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VII - Num. 39 / 2019

Anno II - Num. 14 - 25 novembre 2014 Politica e società

Di Matteo oggi in commissione Antimafia. Bomb jammer sì o bomb jammer no

M5S: "Vogliamo capire cosa fare per aiutarlo"

di Redazione TrinacriaNews
         

Nino-Di-Matteo URL IMMAGINE SOCIALPalermo – Il giudice Di Matteo sarà ascoltato ogg dai componenti della commissione antimafia. Si tratta di un incontro richiesto da tempo dai componenti della commissione del M5S, Giorgio Ciaccio e Stefano Zito, “per capire se è possibile fare qualcosa per migliorare la sicurezza del magistrato, alla luce delle ripetute minacce arrivate nei suoi confronti e per esprimergli di persona la piena solidarietà della commissione”.

Il M5S Stelle da tempo chiede l’assegnazione al magistrato del bomb jammer, uno strumento capace di disinnescare i telecomandi che azionano gli ordigni esplosivi, ‘stoppato’ da presunti potenziali ‘effetti collaterali’, che rischierebbero di mettere fuori uso importanti apparecchiature nel suo raggio d’azione, pace maker compresi. Recentemente, però, una risposta del sottosegretario alla Difesa ad una interrogazione del M5S al Senato, ha ‘riabilitato’ l’apparecchiatura, sostenendo, in sostanza, che non è pericolosa.

Un intervento sulla sicurezza di Di Matteo da parte della commissione antimafia e del Parlamento siciliano era stato sollecitato anche dal capogruppo del M5S, Valentina Zafarana, con una lettera indirizzata a Musumeci e ad Ardizzone e per conoscenza anche al Procuratore generale e al Prefetto di Palermo ( http://trinacrianews.eu/matteo-lasciato-pericolosamente-appello-m5s-ad-ardizzone-musumeci/ .

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*