Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 46 - 02 ottobre 2021

Anno II - Num. 07 - 10 luglio 2013 Sport

Anticipazioni Rally Targa Florio

di Emilio Mancuso
         

LO_SPETTACOLARE_TRATTO_DEI_TORNANTI_A_SCLAFANI_BAGNILa pausa estiva porterà i rally verso l’appuntamento clou dell’anno con la disputa della celebre Targa Florio che avrà doppia validità, sia per il Campionato Italiano Assoluto ( dove è bene sottolinearlo il giovane Andrea Nucita sta facendo faville con la Citroen DS3 ed è al comando della categoria Produzione oltre ad aver ottenuto uno splendido secondo posto assoluto in Friuli ) sia per il challenge regionale di coppa Italia.

Voci su un possibile annullamento della manifestazione causa tagli ai fondi sportivi da parte della regione si sciolgono come neve al sole sotto il caldo sole di Trinacria e la gara sarà regolarmente disputata in data 28 e 29 Settembre.

Il sabato sera ci sarà la tanto attesa partenza coreografica dalla classica Piazza Politeama di Palermo che grazie al calore straripante del competente pubblico siciliano, rendono questo suggestivo momento tra le migliori partenze di gara a livello mondiale.

Dopo lo show cittadino del sabato sera, la gara vera e propria si terrà tutta interamente di domenica.

Cuore della manifestazione sarà Campofelice di Roccella con partenza alle 7.30 e arrivo dopo le 21, sempre in paese sarà allestito il parco assistenza e la premiazione.

Ben dodici lunghe e impegnative prove speciali sulle alture delle Madonie renderanno la Targa Florio al gara più dura e lunga dell’anno.

Ci saranno quattro prove speciali da ripetere tre volte ( salteranno il primo giro solo i concorrenti iscritti al challenge e che non partecipano alla gara maggiore del campionato italiano ) per un totale di quasi 160 chilometri di tratti cronometrati.

IL_FAMOSO_BIVIO_PIETRASi comincia con la prova speciale per eccellenza, simbolo del rallysmo regionale stesso, cioè la TARGA che sulla SS120 dopo Cerda e precisamente in località Granza, porta i concorrenti a scendere verso Bivio Pietra dove il famoso bivio porta i piloti nel “Circuito dello Stabilimento Termale di Sclafani “ una strettissima e insidiosissima salita ricca di tornanti che disposti a terrazza naturale, sono assediati ogni anno da migliaia di tifosi.

Dopo il bivio di Sclafani Bagni le vetture scendono nuovamente verso la SS120 attraverso i cippi Masetti e Tandoy per concludere la speciale al bivio di Caltavuturo dove una chicane artificiale rende questo tratto altra zona d’assedio di tifosi.

Dopo un lungo trasferimento attraverso Scillato, Collesano e Campofelice si riparte con la seconda prova speciale, quella di LASCARI che dalle porte dell’omonimo paese si inerpica fino a quasi il centro abitato di Collesano.

Un breve trasferimento porta i concorrenti al bivio di Munciarrati dove sui tornanti che scalano le Madonie attraverso Piano Zucchi si disputa la terza prova, quella di PIANO BATTAGLIA che si conclude esattamente al bivio di Portella Colla nei pressi della rinomata località sciistica madonita.

Altro trasferimento a scendere verso Polizzi Generosa e subito fuori centro abitato scatterà la quarta speciale, quella di POLIZZI con impegnativa e sinuosa discesa che termina nei pressi del bivio Polizzi-Firrionello.

Ci si augura che nonostante la crisi quanti più driver onorino la corsa più antica del mondo e regalino agli spettatori una giornata di sport ed emozioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi a Pippo Annulla replica

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*