Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 29 / 2017

Anno II - Num. 14 - 25 novembre 2014 Comunicati stampa

VIOLENZA DI GENERE: CGIL, UIL E ARCIDONNA CHIEDONO RITIRO DECRETO “NON RISPETTATE SCELTE DEL FORUM PERMANENTE”

di Redazione TrinacriaNews
         

Palermo – Le referenti di Cgil, Uil e Arcidonna nel Forum permanente sulla violenza di genere hanno scritto al presidente della Regione  e all’assessore regionale alle politiche sociali  per chiedere la revoca del decreto della dirigente generale, Maria Antonietta Bullara, con il quale si destinano 40 milioni del bilancio regionale alla formazione dei docenti. “E’ un’attività- scrivono Elvira Morana, Adriana Aronadio e Valeria Ajovalasit- che è già stata svolta l’anno scorso e per quest’anno, nell’ambito del Forum, si è stabilito di destinare il fondo alla formazione degli alunni, una decisione che consideriamo vincolante”. La formazione è una delle iniziative previste dalla legge  3 del 2012 per il contrasto alla violenza di genere. “Il Forum – scrivono le rappresentanti di Cgil, Uil e Arcidonna- non è un organo di mera ratifica. Consideriamo una scelta del tutto unilaterale quella di rinviare i cicli formativi rivolti agli studenti con la programmazione del fondo per le politiche sui diritti e le pari opportunità. In questo ambito – concludono – sono necessarie azioni efficaci e condivise e il decreto appena emanato non tiene in questo caso conto che si era condiviso altro e che questo altro era stato ratificato dalla Giunta regionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*