Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 29 / 2017

Anno I - Num. 05 - 16 febbraio 2013 News dagli USA

"Roma Caput Mundi" di Davide Bramante arriva alla Mark Miller Gallery

Una straordinaria esposizione utilizza una singolare tecnica fotografica per immortalare la Roma storica ai giorni nostri

di Debra Santangelo read in english
         

Roma - Colosseo notturno

Roma Caput Mundi è una particolare mostra del fotografo siciliano Davide Bramante, dedicata a Roma Città Eterna e Capitale Storica. L’esposizione, che si trova nel promettente quartiere Lower East Side di Manhattan, conferisce l’onore dell’antico appellativo della città di Centro del Mondo. Questo leggendario quartiere avrebbe difficoltà nel rivendicare tale affermazione, anche se il “LES” (Lower East Side) è il punto focale di New York per la storia, la cultura e la creatività.  Bene, c’è una prima volta per tutto e se Mark Miller raggiungerà il suo obiettivo, tanti occhi (e piedi) assedieranno la sua galleria. Invece di venire e conquistare, però, Miller invita i visitatori a girare e ad interagire.

Bramante afferma: Le foto presentate all’esposizione combinano da 4 a 9 immagini, riprendendo diversi scatti analogici sullo stesso frame, usando pellicole comuni, come per esempio quella da 35 mm. Con questo nuovo progetto fotografico la visione, lo scopo e l’approccio di Bramante si fondono in una creatività all’avanguardia. Ogni foto consiste in un montaggio ipnotizzante ed affascinante, che fonde la città antica e quella contemporanea. Il risultato è una visione poetica ed appassionata della capitale italiana — un album di fotografie della Città Eterna attraverso i millenni, un ritratto architettonico composito.

Scattare foto di Roma e poi racchiudere la sua essenza in uno specchio della società contemporanea diventa per Bramante una sfida ed un omaggio alla Città Eterna ed alla sua madrepatria. Fornisce uno sguardo all’avanguardia nei confronti dei classici, resi in una singola immagine, come se si trattasse di un mero pensiero. Il risultato è una meditazione affascinante sul concetto ideale di Città Eterna. La mia fotografia rappresenta esattamente il mio modo di ricordare, pensare, sognare, sperare ed immaginare. Tutto si sovrappone dice Bramante. La fotografia di Davide presenta e celebra Roma come un simbolo storico dal valore culturale, economico e sociale commenta Miller presso la sua galleria a due piani.

Roma Caput Mundi

Bramante chiarisce l’ispirazione del titolo dell’esposizione insieme con una delle sue opere presentate: ho visto un sigillo con la scritta “Roma Caput mundi regit orbis frena rotundi”. Federico di Svevia, Imperatore del Sacro Romano Impero nel 1152, indossò con orgoglio questo marchio che celebra il Periodo Classico. Il tributo echeggiante del sigillo si traduce letteralmente in “Roma, Capitale del Mondo, tiene le redini del pianeta rotondo.”

Presentare il progetto a New York completa il concetto dell’artista. Bramante osserva: se la Roma Imperiale era la prima mecca cosmopolita, New York è il simbolo contemporaneo della metropoli moderna. Bramante propone altri paragoni: sebbene molto differenti una dall’altra, New York e Roma sono le città più mitizzate e fotografate del mondo. Miller apprezza la configurazione storica del paese: il valore di Roma si estese infinitamente oltre il suo territorio, dice. Ora quella presenza può essere ritrovata nella Orchard Street nel Lower East Side di Manhattan, un quartiere degno dell’approccio di Bramante nel combinare l’antico e ciò che è di tendenza.

L’abilità artistica di Bramante corre dei rischi e vince. Il fascino ed il potere di Roma emerge e fonde energicamente, dissipando e disperdendo ogni stereotipo.

QUANDO:

Apertura Reception: martedì 5 marzo 2013 dalle 18.00 alle 21.00
Date della mostra: 5-31 marzo 2013
Orari: domenica – venerdì dalle 12.00 alle 18.00, per appuntamento.

DOVE:

Mark Miller Gallery, 92 Orchard Street tra Broome e Delancey Street, New York, NY 10002, (212) 253-9479.
info@markmillergallery.com, gratis e aperto al pubblico.

Dal 1998, Mark Miller Gallery è una galleria d’arte contemporanea all’avanguardia sulla Orchard Street, che è stata recentemente presentata su NY1, New York Observer, BBC, Fox 5, DNA Info, New York Times, PIX 11, People Magazine. http://www.markmillergallery.com/

Davide Bramante è nato a Siracusa, dove è ritornato dopo avere trascorso 13 anni a Torino, Roma, Bologna, Milano e New York. Dal 1991 lavora con video, installazioni e fotografia. Laureato in Belle Arti alla Accademia Albertina (Torino) e all’Accademia Fidia (Cosenza), Bramante è stato un artista esterno alla Franklin Furnace Foundation (New York) ed ha esposto con mostre personali a Napoli, Roma, Pescara, Modica, Firenza, Isernia, Milano, Catania, Palermo, Bologna, Cairo, Lisbona e Amsterdam. Ha esposto anche presso varie Fiere d’Arte Internazionali, come Art Basel, Art Cologne, Artissima Torino, MiArt Milano, MINT Milano, Arte Fiera Bologna, ArtVerona, ARCO Madrid, FIAC Parigi, SH Shanghai, CIGE Beijing, Arte Lisboa, Art Palm Beach, Florida, Paris Photo, Scope Basel, Scope Miami.

Mark Miller è il fondatore e proprietario della Miller Manhattan Property Group e della Mark Miller Gallery. Miller è stato anche Presidente di Lower East Side Business Improvement District (BID). La famiglia Miller è a New York da sette generazioni, dal 1746. Quattro di queste generazioni hanno lavorato nel Lower East Side.

www.sicilianconnections.com

http://sicilianconnections.blogspot.co.uk/

Traduzione di Viviana Villa
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*