Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VII - Num. 37 / 2019

Anno III - Num. 16 - 29 marzo 2015 Politica e società

Palermo: la Polizia di Stato promuove campagna sensibilizzazione sul bullismo per più giovani

di Redazione TrinacriaNews
         

bullismo polizia URL IMMAGINE SOCIALPalermo – Si è conclusa ieri mattina la campagna di sensibilizzazione sul fenomeno del bullismo.

La Polizia di Stato è da sempre in prima linea nella prevenzione di questo tipo di reato, con iniziative d’informazione rivolte soprattutto ai più giovani, che coinvolgono inevitabilmente anche insegnanti e genitori.

Stando alle statistiche, gli episodi di bullismo si susseguono sempre più numerosi e, secondo recenti sondaggi, questi comportamenti di prevaricazione, intimidazione e disagio si manifestano, soprattutto, in ambito scolastico.

In particolare, il problema riguarda bambini ed adolescenti di ambo i sessi.

L’85% degli episodi di bullismo avviene in presenza del gruppo ed è proprio su questi spettatori, “maggioranza silenziosa”, che bisogna fare leva per tentare di eliminarli, o, quantomeno, di ridurli in maniera significativa.

Diverse le motivazioni alla base di tali gesti e/o comportamenti, il più delle volte, reiterati: un dolore non manifestato, una sofferenza mai confidata, insicurezze inevitabili per i giovani, che portano, i ragazzi a condannare sé stessi a subire per sempre oppure a diventare prepotenti verso il prossimo. In tale contesto si sviluppano terribili dinamiche tra vittime, bullo e spettatori passivi.

Il progetto ha visto impegnati alunni delle scuole medie inferiori e di quelle elementari del capoluogo, coinvolgendo anche insegnanti e genitori, al fine di fornire qualche suggerimento per affrontare queste dinamiche generazionali.

L’iniziativa è consistita, tra l’altro, in:

– proiezioni di materiale didattico per far comprendere che il bullismo è un comportamento sbagliato e da condannare;

– questionari compilati  dagli alunni e in un successivo confronto in aula tra insegnanti,  alunni e personale della Polizia di Stato;

– creazione di cd. “cassette delle prepotenze”, realizzate in cartone, dove ciascun alunno, in maniera anonima, ha lasciato un  bigliettino con scritto eventuali prepotenze subite, fatte o viste;

sono state, altresì, individuate, in maniera condivisa, alcune regole comportamentali contro il bullismo, successivamente descritte su appositi cartelloni colorati esposti nelle aule scolastiche.

Infine, a conclusione del programma, una giuria composta da insegnanti e da rappresentanti della Questura di Palermo, in servizio presso la Divisione Anticrimine (Ufficio Minori), ha selezionato i lavori realizzati, che questa mattina sono stati premiati presso alcuni istituti scolastici cittadini (ICS “Michelangelo Buonarroti”, ICS “Alberico Gentili” e Scuola Primaria Plesso “Pitré), ove è stata consegnata una coppa, ambita da tutti gli alunni, alle classi vincitrici, e sono stati distribuiti a tutti gli studenti, per l’impegno e l’entusiasmo dimostrato, altri piccoli premi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*