Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VI - Num. 35 / 2018

Anno I - Num. 01 - 18 aprile 2012 Politica e società

Massimo Melodia un cantautore che non dimenticheremo

di Vilma Maria Costa
         

Massimo MelodiaPalermo – Molto spesso degli artisti se ne parla più da morti che da vivi, è una triste ma dura realtà! Certamente non è il caso di Massimo Melodia, artista molto apprezzato in ambito locale e nazionale da vivo, che, dopo una lunga malattia si è spento nella sua casa palermitana. Ho appreso la triste notizia direttamente dal suo grande amico e artista Gianni Nanfa durante lo spettacolo che sta attualmente proponendo al Teatro Al Convento di Palermo.

Un grande talento musicale che sapeva lavorare soprattutto dietro le quinte componendo brani di assoluta originalità e organizzando assieme ad altri grandi dello spettacolo, come appunto Gianni Nanfa, Marcello Mandreucci e altri musicisti di alto spessore (Giuseppe Milici, Rosario Vella, Mimmo La Mantia per citarne alcuni) con i quali ha vantato eccelse collaborazioni per progetti musicali e artistici sempre riusciti.

La sua era una continua sperimentazione di fusione tra generi musicali diversi e parole in vernacolo che ne esaltassero le armonie. Il suo spaziare dal jazz al rock, dal blues al folk alla newage, fino ad arrivare alla musica classica non dimenticando di trarre spunto da quella contemporanea e partenopea faceva immaginare le sue grandi potenzialità, la sua eccezionale preparazione come musicista e le sue doti di compositore.

 

L’Isola
A Vucciria
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*