Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 28 / 2017

Anno V - Num. 26 - 06 febbraio 2017 Cultura e spettacolo

Conferita cittadinanza palermitana onoraria a Enzo Bianchi, fondatore ed ex priore della comunità monastica di Bose

di Redazione TrinacriaNews
         

bose URL IMMAGINE SOCIALIl sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ieri pomeriggio al Teatro Biondo ha conferito la cittadinanza onoraria a Enzo Bianchi. Bianchi, da alcuni anni molto legato alla Città di Palermo, è fondatore ed ex priore della comunità monastica di Bose, in Piemonte, e lega il suo nome e la sua produzione culturale alle tematiche legate all’etica delle religioni, nella comprensione delle diversità.

Nel corso della cerimonia il sindaco ha espresso “profonda stima e ammirazione per la sua opera di promozione della solidarietà, dell’accoglienza e della fratellanza, valori fondanti una società multietnica e multireligiosa alla quale aspira questa Città”.

“Siamo orgogliosi di avere un nuovo cittadino palermitano – ha dichiarato il sindaco – che si è sempre distinto per la sensibilità manifestata nei confronti del dramma di milioni di esseri umani in fuga, vittime della guerra, della fame, della brutalità, dando voce al grido di un’umanità sofferente che lotta per la vita e condividendo il pensiero del Santo Padre per il quale respingere gli immigrati è un atto di guerra”. 

Orlando ha anche sottolineato l’impegno di Bianchi “nel denunciare le ragioni di questi drammi, attribuiti fortemente alle azioni di governi, che alla ricerca di profitto e potere, favoriscono la depredazione e l’alterazione dei delicati equilibri economici e istituzionali dei paesi di provenienza dei migranti, alimentando conflitti, violenza e povertà”.

 
“Il mio impegno è quello di essere uno strumento di dialogo, soprattutto all’interno del Mediterraneo – ha dichiarato Bianchi – questo mare che tanto amo e che mi fa amare la Sicilia e questa città. Sono convinto che Palermo abbia una vocazione al confronto e a far sì che le due sponde culturali dialoghino. E questo – ha concluso Bianchi – sarà un arricchimento e un cammino di umanizzazione di cui tutti abbiamo bisogno”.

La cerimonia si è svolta nel corso dell’iniziativa che ha visto insieme sul palco il giornalista Ferruccio De Bortoli ed Enzo Bianchi, “La convivialità delle differenze: etiche e religioni si incontrano”, ideata e proposta dall’associazione “Genitori e figli: istruzioni per l’uso”, con il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università di Palermo, del Comune e la certificazione ufficiale del CIDI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*