Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno III - Num. 17 - 06 giugno 2015 Politica e società

La Santuzza di Palermo in volo sulla città

di Vilma Maria Costa
         

Santa-Rosalia URL IMMAGINE SOCIALPalermo – Il 9 giugno, una data da non dimenticare, perché 390 anni fa la Santa Patrona di Palermo, Santa Rosalia liberò la città di Palermo dalla peste dopo che furono portate in processione lungo le vie della città le sue ossa. Per celebrare questa ricorrenza sono state portate in volo ieri a mezzogiorno, in elicottero, per benedire la città, le reliquie della Santa e quelle di San Luigi Orione.

Durante il volo tanti i luoghi “benedetti”: l’Ars,ll’Ospedale dei Bambini e l’Ospedale Civico, lo Zen, il Porto, e don Pasquale Ceravolo reggente del santuario di Monte Pellegrino non ha mancato di volgere un pensiero agli ultimi e ai migranti.santuzza in volo

Come ogni anno, Palermo celebra la Santuzza. In volo sopra la città, grazie all’elicottero della Guardia di Finanza, le reliquie di Santa Rosalia hanno benedetto Palermo, dal porto alla cattedrale, da Brancaccio allo Zen, per poi approdare al Santuario in un clima di festa che contraddistingue l’amore della città per la nostra Santa patrona. Tutto ciò rappresenta un messaggio di speranza e di buon augurio per Palermo e per i palermitani.

È quanto hanno affermato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando e l’assessore alla Cultura, Andrea Cusumano.

Vogliamo salutare e ringraziare don Pasquale CeravoloconludonoPalermo è Santa Rosalia, Santa Rosalia è Palermo, non c’è l’una senza l’altra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*