Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno III - Num. 18 - 07 agosto 2015 Comunicati stampa

Rifiuti: dall’Ugl Sicilia, “basta teatrino, il PD trovi immediate soluzioni”

di Redazione TrinacriaNews
         
L’Ugl Sicilia esprime apprezzamento per l’approvazione all’Ars della legge regionale per la gestione pubblica dell’acqua, ponendo fine al regime privatistico che più di una perplessità aveva generato nell’opinione pubblica.
Questo è quanto si legge in una nota diramata dalla confederazione siciliana la quale aggiunge, “stessa cosa non può dirsi per il comparto dei rifiuti che in regime di continue proroghe resta a gestione privtistica di pochi che continuano ad ottenere autorizzazioni per lo smaltimento.
Non è un caso che il governo Renzi ha commissariato la Sicilia sancendo il definitivo fallimento dell’esecutivo Crocetta in tema di ciclo dei rifiuti”.
“Il fuoco amico – procede la nota – che abbatte un governatore ormai alla frutta e riapre lo scontro in seno al Partito Democratico siciliano presente massicciamente nella giunta del presidente Crocetta.
Il tema dei rifiuti va a braccetto con l’emergenza occupazionale da un lato e con la pulizia delle città sempre più sporche e insicure”.
“In questo teatrino tutto in casa PD  – per l’Ugl Sicilia – a farne le spese sono i lavoratori che restano al palo e con i cittadini alle prese con cumuli di spazzatura che fanno da contraltare ad esose imposte che hanno raggiunto limiti non più sostenibili”.
Si affronti con responsabilità ed energia la questione  – conclude l’Ugl Sicilia -che rischia di cadere nel ridicolo. Si trasferiscano senza indugi gli operatori nelle Società di regolamentazione dei rifiuti e si riprendano le attività con maggiori e più puntuali controlli sulle procedure pubbliche”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*