Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno IV - Num. 22 - 04 maggio 2016 Cultura e spettacolo

Presentazione a Palermo libro Scelte necessarie. Riflessioni e proposte a un anno dalla Laudato sì di Ermete Realacci e Mons. Michele Pennisi

di Redazione TrinacriaNews
         

scelte necessarie URL IMMAGINE SOCIALPalermo – Presso la libreria Sciuti, il giorno 11 luglio alle ore 17,30 sarà presentato il libro “Scelte necessarie. Riflessioni e proposte a un anno dalla Laudato sì” di Ermete Realacci e Mons. Michele Pennisi a cura del giornalista Roberto Bertoni e del sindacalista Uil nazionale Andrea Costi.

Saranno presenti gli autori e interverranno il presidente Banca Etica Ugo Biggeri che ha curato la postfazione del libro e il segretario Uil Sicilia – Responsabile Ambiente Giovanni Sardo.

Le potenze mondiali hanno da poco espresso la loro preoccupazione sulla distruzione che deriverà dai cambiamenti climatici e su come si è arrivati a un punto in cui è fondamentale prendere dei provvedimenti urgenti e concreti per non arrivare all’oramai vicino “punto di non ritorno”.

Anche il nostro Papa Francesco nell’enciclica Laudato sì parla ampiamente di ambiente e della necessità di rispettarlo e si sofferma sul concetto di “ecologia integrale”, ponendo in relazione la povertà delle persone con la devastazione dei loro ambienti di vita. Tutto va visto secondo il Papa con uno sguardo ampio considerando tutti i popoli come una grande “famiglia umana” e di conseguenza il mondo come la nostra casa da rispettare e salvaguardare.

Brevi schede biografiche degli autori e dei curatori del libro:

Ermete Realacci (Sora, 1955) ha guidato fin dai primi anni Legambiente, di cui è tuttora presidente onorario. È presidente di Symbola, Fondazione per le qualità italiane e della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera. È membro della direzione del Partito democratico. Ha scritto i saggi Soft Economy (2005) insieme ad Antonio Cianciullo e Green Italy. Perché ce la possiamo fare (2012). Il suo impegno politico è volto alla difesa dell’ambiente inteso come intreccio di natura, cultura, coesione sociale, creatività e punto di forza di tutte le risorse italiane più preziose.

Michele Pennisi (Licodia Eubea, 1946) è l’arcivescovo di Monreale dal 2013. È stato ordinato sacerdote nel 1972 e vescovo di Piazza Armerina nel 2002. È presidente emerito dell’Associazione dei Bibliotecari ecclesiastici italiani e membro del Pontificio consiglio della giustizia e della pace. È stato membro del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali dei cattolici italiani e segretario della Commissione episcopale per l’Educazione cattolica, la scuola e l’università. Docente di Teologia dogmatica, ha scritto numerosi saggi a contenuto teologico e storico riguardanti la figura di don Luigi Sturzo.

Roberto Bertoni, romano. Giornalista free lance, scrittore e poeta, collabora da anni convarie testate cartacee e on line, fra cui «Articolo 21», «Dazebao», «Confronti» e «AREL. Per Imprimatur, nell’ambito della collana Collega­Menti diretta da Andrea Costi, ha pubblicato i libri intervista Lavoro e libertà con Stefano Fassina e Il caffè amaro con Corradino Mineo.

Andrea Costi, fiorentino. Sindacalista, esperto da molti anni di politica ambientale, è responsabile dell’ufficio per lo Sviluppo sostenibile della Uil nazionale, componente del gruppo di lavoro Ambiente della Confederazione europea dei sindacati. Autore di saggi e pubblicazioni varie in tema di sostenibilità e green economy, si occupa anche di formazione professionale e progettazione di settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*