Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno II - Num. 12 - 20 luglio 2014 Politica e società

Inaugurato il “giardino della libertà di stampa”

di Redazione TrinacriaNews
         

Piazza tredici vittime SEQUENZAPalermo – E’ stato inaugurato a Palermo il “Giardino della libertà di stampa”. L’iniziativa è stata presa dall’Amministrazione comunale insieme alla Unione Cronisti siciliana. Il giardino si trova tra la Piazza XIII vittime, dove sorge il grande monumento a tutti i caduti nella lotta alla mafia, e la Prefettura della città. Lo spazio verde è stato recuperato da uno stato di abbandono, e da oggi al suo ingresso è esposta una targa di marmo in cui si può leggere: “Questo spazio verde è dedicato ai giornalisti uccisi da mafie e terrorismo nel nome della libertà di informazione”.

Alla cerimonia è intervenuto il sindaco Leoluca Orlando, il quale ha affermato che, in una democrazia, “la libertà di stampa è il diritto dei diritti”, manifestando poi la soddisfazione di poter dire che “oggi la mafia non governa più Palermo”.

Con Orlando, alla cerimonia erano presenti per il Comune molti componenti la Giunta: dal vice sindaco Emilio Arcuri, agli assessori Cesare Lapiana, Giovanna Marano, Giuseppe Gini e Francesco Raimondo. Presente anche il presidente del Consiglio Comunale Salvatore Orlando. All’inaugurazione c’erano inoltre il prefetto di Palermo Francesca Cannizzo, il questore Maria Rosaria Maiorino e il procuratore aggiunto Leonardo Agueci. Presenti infine dirigenti dell’Ordine dei giornalisti, della Assostampa e dell’Unci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*