Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno II - Num. 12 - 20 luglio 2014 Cultura e spettacolo

Festa di San Giuseppe a Bagheria: “Ciauru ri astrattu” si rievoca un’antica tradizione

di Redazione TrinacriaNews
         

san-giuseppeSEQUENZABagheria (PA)– Tra le diverse manifestazioni che arricchiranno il programma della festa di San Giuseppe, tre cittadine bagheresi: Patrizia Aiello, Mariarosa Mantini e Giusy Filì hanno voluto far dono al Città di una loro idea di spettacolo, rievocando un’antica tradizione popolare siciliana: la preparazione dell’ “astrattu ri pumaruoru” quando le vie e le piazze di Bagheria si coloravano di rosso, riempendosi di tavole in legno dette “maidde” sulle quali veniva steso ad essiccare il succo di pomodoro.

La manifestazione, che si svolgerà il prossimo lunedì 4 agosto, a partire dalle 7.30, in via Palagonia, in prossimità della nota villa Palagonia, con la sistemazione delle “maidde”, metterà in scena attraverso immagini, musiche ed utensili della tradizione contadina l’atmosfera dei tempi in cui si faceva l’estratto di pomodoro.

Dalle 9.00 alle 18.00 verrà eseguita, come da tradizione, la preparazione dell’estratto. La procedura prevede la stesura della polpa di pomodoro sui tavoli di legno, la salatura e l’essiccazione al sole con la tradizionale e frequente “arriminata” con le mani che girano il pomodoro.

Bagheria. La preparazione dell'estratto di pomodoro -2Alle 18.00 si procederà con la raccolta del preparato nello “scanaturi” e prima della degustazione enogastronomica che si svolgerà alle 20.00 i visitatori potranno godere di uno spettacolo folkloristico di musiche e canti.

A far rivivere ai Bagheresi i tempi dell’”astrattu” le performance di Giusy Filì e Alfredo Bellina in uno spettacolo di musiche antiche.

Dorotea Bagnasco, ristoratrice che ha dedicato la maggior parte della sua vita alla cucina tradizionale, immergerà i visitatori nei gusti e sapori del tempo passato, mettendo a disposizione la sua esperienza culinaria mediante la preparazione di antichi piatti a base di pomodoro.

Ma la tradizione si sposerà anche con i gusti moderni grazie alla collaborazione dello chef Tony Lo Coco, proprietario del ristorante “I Pupi” che proporrà piatti da lui rivisitati.

E dove c’è buon cibo non può mancare il buon vino: Giovanni Aiello esperto enologo locale selezionerà i vini della cantina Firriato e della grande distribuzione Vini e Design che arricchiranno il percorso enogastronomico.

A dare un respiro internazionale l’attuale campione mondiale dei sommelier, Luca Martini di Arezzo accompagnato dal presidente ed organizzatore del “DiVino festival di Castelbuono” Dario Guarcello.

L’organizzazione ringrazia per la collaborazione il fotografo Angelo Restivo dell’associazione Bagnera per aver messo a disposizione foto e materiali che renderanno la scenografia del luogo ancora più in tema con l’oggetto della manifestazione ed informa che è gradita un’offerta libera che verrà devoluta in beneficenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*