Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno II - Num. 06 - 26 aprile 2013 Sport

Fed Cup 2013. Vanno in finale le azzurre del tennis femminile internazionale!

di Giancarlo Pace
         

Sara Errani e Roberta VinciPalermo – Le azzurre del tennis ci sono riuscite ancora. Per la quinta volta nelle ultime otto stagioni le tenniste italiane sono riuscite a conquistare la finale di Fed Cup. Roberta Vinci, intervistata ai nostri microfoni qualche settimana fa (vai all’articolo con all’interno l’audiointervista a Roberta Vinci), aveva già mostrato la voglia dirompente di vincere ancora e di arrivare fino in fondo in una competizione così importante e così è stato. Le atlete italiane dopo un lungo duello a colpi di bravura sono riuscite a superare il team ceco composto dal duo Safarova, Kvitova. Determinante ai fini della qualificazione è stato l’ultimo match tra la tarantina Roberta Vinci e Roberta Vinci e Lucie Safarova terminato con il punteggio di 6-3 6-7 6-3.

La Vinci ha regalato spettacolo al Circolo del tennis di Palermo dimostrando ancora una volta la grandissima qualità del gioco e, soprattutto, la forza caratteriale che la contraddistingue e la rende ancora più competitiva nei momenti di difficoltà.

Ringrazio la gente di Palermo alla quale sono legatissima, nonché le mie compagne che mi hanno sostenuta incessantemente per tutta la partita. Oggi non ho vinto io, ma tutta la squadra – ha dichiarato Roberta Vinci immediatamente dopo il match –  nel terzo set ero un po’ stanca e ho cercato in tutti i modi di portare a casa il match per evitare un delicato doppio di spareggio. Sono stata brava dal tre pari in poi, ritengo che Lucie oggi abbia giocato molto bene, ci sono delle avversarie contro le quali mi trovo a mio agio, altre invece con le quali mi trovo meno bene. Lavorerò sodo con il mio staff per migliorare ulteriormente.

Ancora una volta il gruppo italiano conferma le proprie straordinarie doti tecniche e di coesione rendendo il team azzurro tra i più temibili al mondo. Sara Errani e Roberta Vinci costituiscono un’alchimia di talento e carattere difficilmente ritrovabile in altre coppie sportive. Soddisfatto anche il capitano Corrado Barazzutti che elogia la squadra e in particolare la giocatrice che ha determinato questo successo: “Gruppo straordinario , brave tutte, finale meritata, quanto a Roberta non posso fare altro che constatare i suoi enormi progressi. Ha raggiunto un livello davvero alto”.

Le atlete hanno offerto due giorni indimenticabili di sport e il pubblico ha risposto in maniera adeguata al richiamo della terra battuta.

Knapp, Errani, Barazzutti, Vinci, BurnettRingrazio il Circolo e la Fit per la preziosa collaborazione.  Noi abbiamo fatto sforzi enormi per organizzare al meglio questo evento. Abbiamo avuto solo 50 giorni di tempo – ha detto Ernesto De Filippis amministratore di Mca, società organizzatrice dell’evento – amo questo sport e ci metto tanta passione. Abbiamo venduto 3500 abbonamenti più 200 tagliandi giornalieri. Per la finale di novembre, la federtennis valuterà bene se farla indoor o outdoor.  In ogni caso, l’ITF richiede una struttura con una capienza di almeno 5.000 posti. Sono tutte decisioni da ponderare e che farò insieme alla Fit nelle prossime settimane

Nell’indecisione su quale sia la località più idonea per l’organizzazione della finale, Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, non ha perso tempo per proporre ancora una volta Palermo come sede candidata ad ospitare anche la “finalissima” che avrà luogo a novembre contro la squadra russa.

A Palermo Italia batte Repubblica Ceca 3 a 1. Adesso non resta che aspettare la finale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*