Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno III - Num. 19 - 11 ottobre 2015 Cultura e spettacolo

Davide Sciortino va alle semifinali di XFactor9 ed entra di diritto nel mercato discografico italiano

di Vilma Maria Costa
         

shorty URL IMMAGINE SOCIALDurante l’ultima puntata abbiamo assistito a due grandi performance di Davide Sciortino detto, come sottolinea sempre Elio, Shorty.

La scelta del primo brano, L’Italiano di Toto Cutugno, aveva lasciato tutti molto perplessi e i social network si erano riempiti di critiche negative su tale preferenza da parte di Elio.

Ma Davide è riuscito a rendere la canzone, come ha detto lo stesso Elio prima che la cantasse, dei giorni nostri dandole un sapore reggae che è stato da tutti molto apprezzato, soprattutto da Skin che essendo giamaicana ne ha stimato ancor di più l’interpretazione.

Il secondo brano, invece, ha dato la possibilità a Shorty di esprimersi totalmente nel suo modo moderno di cantare, mettendo in risalto non soltanto le sue doti canore, ma dandogli l’opportunità di esprimere la sua personalità artistica facendo così intravedere il suo genere diverso dal panorama artistico attuale e, quindi, da tenere in grande considerazione. Pezzo difficile da cantare che solo un musicista avrebbe potuto interpretare senza sbagliare.

Davide Sciortino passando il turno di quest’ultima puntata non solo va alle semifinali, ma potrà far diffondere il suo inedito che ci auguriamo possa essere un grande successo discografico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*