Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno II - Num. 09 - 30 dicembre 2013 Politica e società

Cgil, Cisl e Uil regionali scrivono lettera a Crocetta, sì a Patto per Occupazione e Sviluppo, però prima risposte a emergenze

(leggi il testo della lettera all’interno)

di Redazione TrinacriaNews
         

Palelogo SEQUENZArmo – Le OO.SS. regionali scrivono al Presidente della Regione Crocetta perché desiderano un incontro-confronto urgente per trovare soluzioni per problemi causati dai tagli sulla Finanziaria dal Commissario dello Stato.

Prendiamo atto dell’idea del Presidente della Regione di un patto per lo sviluppo e l’occupazione ma prima occorre trovare le soluzioni ai problemi sul tappeto causati dai tagli alla Legge di Stabilità regionale . Lo dicono in una nota congiunta i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Sicilia Michele Pagliaro, Maurizio Bernava e Claudio Barone che oggi hanno scritto al Presidente della Regione per chiedere un incontro. I sindacati , nella lettera, chiedono di sapere quali soluzioni il governo intende adottare data la situazione, quali priorità individua, come intende reperire le risorse che mancano e con quali tempi pensa di procedere.

A fronte di soluzioni concrete in tempi certi la disponibilità dei sindacati confederali al confrontorilevano Pagliaro, Bernava e Baroneè massima anche per affrontare i temi delle riforme, del lavoro produttivo e dello sviluppo.

Di seguito il testo della lettera

Al Presidente della Regione

On. Rosario Crocetta

Ill.mo Presidente,

le scriventi Organizzazioni sindacali Le chiedono un incontro urgente per conoscere come il Governo intenda procedere a seguito dell’impugnativa del Commissario dello Stato di parti consistenti della

Legge regionale di stabilità che ha inciso, bloccandoli, su importanti capitoli della spesa pubblica regionale. In particolare, Cgil, Cisl e Uil della Sicilia le chiedono di sapere:

a) Come intende il Governo fare fronte a una minore disponibilità di risorse stimata in oltre 200 milioni;

b) Quali iniziative il Governo regionale pensa di intraprendere per sollecitare al Governo nazionale interventi straordinari a sostegno della Sicilia, in considerazione della situazione critica che si è determinata e della crisi economico- sociale;

c) Come intende garantire il diritto di tutti i lavoratori alla retribuzione, in tutti i suoi aspetti e fare fronte ai vari capitoli di spesa;

d) Se il Governo ritiene che in questa fase possano esserci spazi per un’ulteriore qualificazione della spesa pubblica e per risparmi aggiuntivi da utilizzare per colmare il buco delle minori risorse a disposizione.

Come dimostrano le più recenti manifestazioni delle categorie più colpite dal venire meno delle risorse, c’è un disagio sociale che si somma a quello di una crisi  economica che continua, con il crollo dei settori produttivi e sempre più famiglie che scivolano nella fascia della povertà.

Alle difficoltà determinate dall’impugnativa si aggiungono infatti quelle dei settori privati, che stentano a trovare sbocchi, anche a causa del crollo dei consumi.

In assenza di soluzioni eque, equilibrate e soprattutto tempestive le scriventi OO.SS non intendono celare la propria preoccupazione circa il possibile esplodere del conflitto sociale.

Alla situazione per sommi capi richiamata, si aggiunge infatti il disagio delle migliaia di persone che hanno perso il lavoro e che sono in attesa di tutele sociali, a partire dagli ammortizzatori sociali in deroga. E’ cosa nota che il governo nazionale ha stanziato una quantità di risorse insufficienti a coprire il fabbisogno, soprattutto in assenza di un cofinanziamento regionale.

Su tutti questi argomenti, Le chiediamo dunque un confronto immediato per potere dare il nostro contributo all’individuazione delle problematiche sul tappeto e alla loro soluzione.

In attesa di un riscontro le porgiamo i nostri saluti.

Palermo, 5 febbraio 2014  Michele Pagliaro Cgil Sicilia, Maurizio Bernava Cisl Sicilia, Claudio Barone Uil Sicilia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*