Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 45 - 21 aprile 2021

Anno III - Num. 19 - 11 ottobre 2015 Politica e società

Il 28 novembre manifestazione nazionale dei medici. A Catania redatto il documento unico

Tutte le forze sindacali di categoria unite in nome della sanità; il silenzio dell’ass.to alla Sanità

di Redazione TrinacriaNews
         

LOC_A4_28NOV2015.inddCatania – Nella sede dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Catania, è stato redatto il “documento unico”
Tutte le organizzazioni sindacali mediche, riunite attorno allo stesso tavolo, quello dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Catania, per creare e siglare in modo compatto, il “DOCUMENTO UNICO” per la manifestazione nazionale (coordinata da Fnom-CeO) che si svolgerà il prossimo 28 novembre nel piazzale dei SS. Apostoli a Roma.
La manifestazione, dal titolo eloquente #IOMIMOBILITOETU, vuole ribadire con forza, la volontà dei medici di creare una “governance” che manca da troppo tempo e che sta portando la sanità pubblica allo sfacelo e al caos più totale. E chi ne paga le conseguenze è l’utenza, per questo:
ANAAO ASSOMED, CIMO,SUMAI, SNAMI, SMI e FVM si sono riunite questa mattina nella sede provinciale dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Catania.
IL SILENZIO ASSORDANTE DELL’ASSESSORATO REGIONALE ALLA SANITÀ
“L’Anaao Assomed Sicilia – precisa Pietro Pata, serg. reg. – al di là delle motivazioni di carattere nazionale che hanno determinato la coalizione del sindacalismo medico nella manifestazione del prossimo 28 novembre, ci ritroviamo con un assessorato regionale alla Sanità che nicchia. Attendiamo una convocazione dell’ass.re Baldo Gucciardi dallo scorso 2 ottobre, e intanto mancano le linee guida di direzione, i tempi delle visite si allungano sempre più: il sistema centralizzato di prenotazione regionale, è un totale fallimento e le liste d’attesa crescono a dismisura”.
INCONTRO MEDICI - da sx Pata, Rizzo, SpampinatoLa segreteria regionale di Anaao Assomed Sicilia è critica perché:
– ancora non si hanno notizie in merito alla censura da parte del Ministero su molte e significative parti della normativa (DA 46/2015) sulla Rideterminazione della Rete Ospedaliera;
– nessuna comunicazione è pervenuta a una settimana dal termine ultimo sulla decretazione degli Atti Aziendali e della rimodulazione delle Piante Organiche in tutte le aziende sanitarie (la scadenza è fissata al 30 novembre);
– nonostante le reiterate richieste, non è stata convocata la Commissione paritetica ex art 6 CCNL 2002-2005, per la contestuale valutazione degli Atti Aziendali e Piante Organiche, come promesso dall’ass.re regionale Baldo Gucciardi il 2 ottobre;
– non vi sono direttive, diversamente da quanto accaduto in altre regioni d’Italia, da parte dell’assessorato sull’entrata in vigore, il 25 novembre, della Legge Comunitaria 161 in tema
di orario massimo di lavoro settimanale e di riposo minimo, che comporterà pesantissime ricadute sui livelli essenziali di assistenza, vista la precarietà della stragrande maggioranza delle dotazioni organiche per la dirigenza e per il comparto in tutte le aziende sanitarie
regionali; questa assenza di disposizioni, inevitabilmente comporterà un’applicazione della legge a macchia di leopardo;
– è ormai prossima la scadenza di un numero elevatissimo di incarichi a tempo determinato, ma ancora non vi è un termine certo per la stabilizzazione degli aventi diritto. Ciò determinerà il crollo dei LEA soprattutto nelle aree dell’emergenza e della prevenzione sul territorio;
– il costante ricorso di molte direzioni generali a consulenze e incarichi onerosi che comunque, graveranno sui bilanci della Sicilia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*