Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno X - Num. 49 - 23 giugno 2022

Anno VII - Num. 36 - 10 febbraio 2019 Politica e società

Vertenza Blutec, la Uil a Termini per sostenere i lavoratori ex Fiat-Barone (Uil Sicilia): “Fiat ha abbondato quest’area, adesso risponda”

di Redazione TrinacriaNews
         

Palermo. Sono scesi in piazza per chiedere certezze e una alternativa industriale valida, chiara e concreta per il futuro dello stabilimento ex Fiat. Oggi, in realtà, non vi è certezza nemmeno sulla proroga della cassa integrazione. Così circa 1.500 lavoratori, insieme alle organizzazioni sindacali e i sindaci del comprensorio, hanno sfilato ieri per Termini Imerese sino a giungere in piazza Duomo dove si è tenuto il comizio. Alla manifestazione hanno aderito anche altre realtà produttive: tutti hanno espresso sostegno ai lavoratori dell’indotto ed in particolare ai 62 interinali che da mesi si trovano senza alcun ammortizzatore sociale. 

 “Il progetto di riqualificazione deve andare avanti e i lavoratori devono essere salvati. Le Istituzioni devono assumersi le loro responsabilità e mantenere le promesse”, questo ha detto Gianluca Ficco, della Uilm nazionale. Sul posto, a fianco dei lavoratori, anche il segretario generale della Uil Sicilia, Claudio Barone, insieme ad Enzo Comella segretario della Uilm Palermo: “Fiat ha abbandonato quest’area al suo destino, non ha dato una mano a sviluppare ipotesi industriali alternative, adesso chiediamo che Governo nazionale e regionali la chiamino alle sue responsabilità. Basta ipotesi farlocche, si faccia sul serio”. Intanto il ministro Luigi Di Maio ha confermato l’incontro del 9 aprile al Mise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*