Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 42 - 7 giugno 2020

Anno IV - Num. 23 - 07 luglio 2016 Politica e società

Scontro per Riscossione Sicilia tra Cgil e Fisac Sicilia con Amministratore Fiumefreddo

di Redazione TrinacriaNews
         

Riscossione-Sicilia URL IMMAGINE SOCIALPalermo, 19 lug- E’ botta e risposta tra la Cgil e l’amministratore di Riscossione Sicilia, Antonio Fumefreddo.

Dopo che il sindacato ne ha chiesto le dimissioni per la cattiva gestione della società, confermata nel giudizio di parifica della Corte dei Conti, Fiumefreddo sulle pagine del quotidiano “La Sicilia” ha contrattaccato, nei giorni scorsi, parlando di “menzogne e di attacchi strumentali” da parte dei sindacalisti della Cgil.

Il sindacato che annuncia di star preparando “un dossier sulla gestione Fiumefreddo, sfida l’amministratore di Riscossione Sicilia a un confronto pubblico con la partecipazione di tutti i lavoratori .

“Per quanto ci riguarda- dicono Mimma Argurio, della segreteria regionale Cgil e Francesca Artista, della Fisac Sicilia– non abbiamo scheletri negli armadi e confermiamo il giudizio su Fiumefreddo: è inaffidabile e sfiduciato da molto tempo dai lavoratori che amministra. Il nostro obiettivo – sottolineano– è fare rispettare la legge e il contratto per tutti i lavoratori e non ci lasceremo intimidire”.

Cgil e Fisac tornano a chiedere al governo regionale una verifica urgente sulla situazione di Riscossione Sicilia, “sulle attività e sui disservizi causati dalle decisioni dell’amministratore e del management da lui nominato”.

I temi che il sindacato vuole mettere al centro del confronto pubblico sono gli “accordi inesistenti per nuove sinergie Equitalia, l’inesistente accordo di riduzione del tasso di interesse passivo sul fido bancario di Mps, le compensazioni inesistenti per 70 milioni, gli accordi sindacali sottoscritti e poi rinnegati, gli impegni assunti e mai mantenuti”.

“Parliamo di una società –sottolineano– con una situazione debitoria peggiorata, che ha visto un aumento ingiustificato dei costi, caos gestionale, le nomine di un direttore per più sedi che daranno luogo a nuovi dirigenti mentre province intere restano senza nemmeno un funzionario con potere di firma con conseguenti disagi per i cittadini, di aumento del contenzioso a causa delle iniziative aziendali contro il personale, di lavoratori e lavoratrici vessati”.

Fonte CGIL Sicilia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*