Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VII - Num. 38 / 2019

Anno III - Num. 17 - 06 giugno 2015 Politica e società

Regione Sicilia: l’ARS approva la legge di riforma sui liberi Consorzi

Giovanni Pistorio: “Attraverso la stabilità finanziaria degli Enti è stato tutelato il personale delle ex Province ”

di Redazione TrinacriaNews
         

lege liberi consorzi URL IMMAGINE SOCIALSoddisfazione viene espressa dall’Assessore regionale per le Autonomie Locali, Giovanni Pistorio:

“Grazie ad un lavoro di concertazione continuo tra Governo e Parlamento, tra Governo e Commissione Affari Istituzionali e anche grazie alla responsabilità di numerosi deputati dell’opposizione, in particolare i deputati del Nuovo Centro Desta- afferma Pistorio– siamo riusciti nell’intento di approvare una delle riforme più attese dai siciliani. La maggioranza di Governo ha dimostrato compattezza ed elasticità in un rapporto che si è dimostrato proficuo con il Parlamento siciliano”.

La riforma approvata disciplina la governance dei liberi Consorzi e delle Città metropolitane, il passaggio e l’acquisizione di nuove funzioni, la certezza sul futuro dei dipendenti.

Sul fronte del personale dipendente delle ex province regionali infatti viene istituito l’Osservatorio regionale, con compiti di ricognizione delle entrate e delle spese, al fine di una riallocazione delle risorse finanziarie, umane e strumentali.

“ Pensiamo di avere messo in sicurezza tutto il personale delle ex province compresi i precari per i quali , nei limiti delle disponibilità residue – continua ancora l’Assessore – viene esteso l’erogazione del contributo regionale al 100 per cento già previsto nell’ultima finanziaria per i comuni in dissesto”.

L’Osservatorio verrà istituito entro 90 giorni dalla pubblicazione della legge e avrà a sua volta ulteriori 90 giorni per stabilire i criteri in base ai quali i nuovi enti ridefiniranno le piante organiche sulla base delle funzioni attribuite.

“ Nelle more- prosegue Pistorio- il personale già in servizio  continua ad essere utilizzato presso gli enti di area vasta”.

Questi i punti salienti della legge che riforma gli enti di area vasta che Pistorio definisce uno dei momenti di maggiore responsabilità del Parlamento in questa legislatura. “Confidiamo nelle prossime importanti scadenze legislative, a cominciare da quella sull’acqua – afferma l’Assessore – per dare alla nostra Regione, i provvedimenti essenziali per la ripresa economica e sociale”.

La legge istituisce sei liberi Consorzi e tre Città metropolitane (Palermo, Catania e Messina) i cui territori coincideranno con quelli delle ex province. I primi Presidenti, come anche i Sindaci metropolitani, verranno eletti nel periodo compreso tra l’1 ottobre e il 30 novembre 2015 dai consiglieri comunali e dai sindaci dello stesse ente mediante elezione indiretta di secondo grado.

“ Anche se nella norma approvata – prosegue l’Assessore alle Autonomie Locali– è previsto che, nel caso la maggioranza degli statuti lo preveda, l’ARS tornerà a legiferare prevedendo l’elezione diretta del Presidente e del Sindaco metropolitano”.

lege liberi consorziOltre allo stesso Presidente, la governance degli enti di area vasta prevede una Giunta eletta con le stesse modalità previste per l’elezione del Presidente e un’Assemblea, costituita dai soli sindaci dei Comuni dell’ente, con compiti di indirizzo e controllo.

In attesa della nomina dei nuovi commissari, che resteranno in carica fino all’insediamento dei nuovi organi, e comunque non oltre il 31 dicembre di quest’anno, vengono mantenuti gli attuali commissari per l’ordinaria amministrazione.

Restano in capo al libero Consorzio molte delle funzioni attribuite alle ex province, con qualche modifica di rilievo. In particolare, vengono trasferite ai Comuni le competenze su manifestazioni ricreative e artistiche, mentre alla Regione passano le competenze su formazione professionale e sulla tutela ambientale; ai liberi Consorzi arrivano invece le competenze sull’approvazione degli strumenti urbanistici previo parere del CRU, Comitato Regionale Urbanistica, ed entro un anno dall’approvazione della legge anche le competenze sull’edilizia popolare abitativa, sulla vigilanza dei consorzi di bonifica e sulla motorizzazione civile.

“E solo per Catania, Messina e Palermo- prosegue Pistorio– anche la partecipazione diretta alla programmazione, assegnazione e gestione dei fondi europei relativi appunto alle Città metropolitane”.

Gli enti di area vasta manterranno le società interamente partecipate e quelle con funzioni strategiche, comprese quelle aeroportuali.

La legge ha inoltre previsto una serie di interventi per fronteggiare l’attuale emergenza finanziaria derivante dai tagli statali e garantire la stabilità e funzionalità degli enti per l’anno in corso.

Tra questi l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione e la possibilità di predisporre il solo bilancio annuale per il 2015, nonché l’utilizzo di 10 dei 30 milioni, che erano stati stanziati con la legge finanziaria alle ex province per interventi sulla viabilità,  per il pagamento della quota capitale delle rate di ammortamento dei mutui assunti per spese di investimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*