Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 43 - 1 settembre 2020

Anno VIII - Num. 43 - 01 settembre 2020 Cultura e spettacolo

PRESENTAZIONE LIBRO – Cosa Nostra spa entra nel triangolo della morte

di Redazione TrinacriaNews
         

Ad Adrano il 25 settembre, alle ore 18.30 nel prestigioso Teatro Bellini si svolgerà l’evento letterario che vede protagonista il Magistrato e Componente togato del Consiglio Superiore della Magistratura dott. Sebastiano Ardita col suo nuovo libro “Cosa Nostra Spa”, con il quale spiega come la mafia dal 1992, dopo le stragi di Falcone e Borsellino, abbia mutato modus operandi seguendo il modello catanese di Nitto Santapaola, cioè il patto tra colletti bianchi e mafia.  

Dopo la tappa a Paternò, prosegue ad Adrano, altra punta del triangolo della morte insieme a Biancavilla,  in cui si sono consumati delitti efferati tra famiglie mafiose. 

Il Sindaco Angelo d’Agate ha aperto le porte alla legalità, ritenendo che la città di Adrano abbia bisogno di un cambiamento culturale per far si che il passato “mafioso” possa essere dimenticato in onore di tutti i cittadini onesti che quotidianamente si impegnano con responsabilità per il proprio territorio. 

Interverranno come relatori  il Vice Questore della Polizia di Stato Paolo Leone, l’ispettore di polizia della squadra speciale dei falchi, in quiescenza Pino Vono, il giornalista ed ex vice caporedattore Tgr Rai , Gugliemo Troina. Ci sarà la partecipazione straordinaria del giornalista Marco Benanti, citato nel libro per la sua lotta mediatica con Confindustria e le relative conseguenze. Modera il dibattito la giornalista Valeria Barbagallo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*