Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 42 - 7 giugno 2020

Anno V - Num. 27 - 05 aprile 2017 Politica e società

Patto per la Sicilia: Cgil, Cisl e Uil scrivono a Crocetta per dare seguito a quanto concordato nell’incontro col ministro del Mezzogiorno

Hanno scritto al presidente della Regione, Rosario Crocetta, per chiedere un incontro urgente, “finora disatteso”

di Redazione TrinacriaNews
         

Pregione sicilia logo URL IMMAGINE SOCIALalermo, 10 mag- I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Sicilia  Michele Pagliaro, Mimmo Milazzo e Claudio Barone hanno scritto al  presidente della Regione, Rosario Crocetta, per chiedere un incontro  urgente, “finora disatteso”, per dare seguito a quanto concordato in  tema di Patto per la Sicilia il 21 aprile scorso in un incontro a cui ha  partecipato il ministro del Mezzogiorno, Claudio De Vincenti. “I timidi  segnali di ripresa che si avvertono nei settori produttivi- sostengono  nella nota Michele Pagliaro, Mimmo Milazzo e Claudio Barone- non sono  tali da imprimere una inversione di tendenza a una realtà che resta  drammatica, con tassi di disoccupazione altissimi – il 57,2% nella  fascia 15/2 4anni- alti indici di povertà, la più bassa intensità  lavorativa del Paese (20%). Per questo- aggiungono- chiediamo che le  opportunità esistenti non vengano sprecate e che la spesa prevista nel  Patto per la Sicilia venga attivata nei tempi più celeri e con essa i  relativi cantieri per dare nuove opportunità alla Sicilia sotto il  profilo dello sviluppo e dell’occupazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*