Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 46 - 02 ottobre 2021

Anno IV - Num. 23 - 07 luglio 2016 Cultura e spettacolo

Parte Ragazzi Avventura, il viaggio in treno di sei adolescenti alla scoperta dell’Italia

Seconda tappa Palermo

di Redazione TrinacriaNews
         

ragazzi avvventura URL IMMAGINE SOCIALAttraverseranno l’Italia in sei per rappresentare quei ragazzi ancora capaci di andare controcorrente, dotati di una sana voglia di aprirsi al mondo, con entusiasmo e senza riserve, con una grande semplicità, voglia di scoperta e di avventura. Parte Ragazzi Avventura, il viaggio di turismo responsabile che dal 18 al 30 luglio 2016 avrà per protagonisti sei adolescenti, ragazzi e ragazze, tra i 14 e i 17 anni, provenienti da tutta Italia e selezionati attraverso un contest online. Percorreranno il Paese da Sud a Nord, dalla Sicilia alla Lombardia, muovendosi a bordo delle Frecce Trenitalia in un viaggio lento alla riscoperta del territorio, alla ricerca della bellezza e delle eccellenze italiane.

Luigi arriva da Catania, selezionato da Libera Contro le Mafie per l’impegno svolto in questi anni all’interno dell’associazione e per la capacità di inquadrare l’essenza del viaggio. C’è lo sguardo di Afty da Padova e la sua incredibile voglia di incontrare gli altri. Alessandra è tra le promotrici di SottoSopra, progetto di Save the Children Italia, e raggiungerà la Sicilia da Crotone per portare in viaggio quello che, quotidianamente, vive insieme ai suoi amici all’interno dell’associazione. Da Roma ci sarannoAllegra e Arianna, selezionate per la loro spontaneità, intraprendenza e allegria e per il desiderio di voler raccontare il progetto Ragazzi Avventura nelle le sue diverse sfumature emozionali. E infine Alessandro, da Palermo, pronto anche lui, insieme al resto della squadra, a scoprire un percorso nuovo e diverso attraverso le più belle aree naturali protette, eco-strutture che insegnino uno stile di vita sano e sostenibile e storie di uomini che fanno la differenza.

Punto di partenza di questa lunga traversata giunta alla sua seconda edizione è il bosco della Riserva Integrale del Parco delle Madonie, a Serra Guarneri: qui naturalisti, ambientalisti, artigiani, agricoltori, sognatori, hanno costruito una piccola realtà, realizzando un Centro di Educazione Ambientale lontano dal caos della città, dove il valore naturale ed emotivo della biodiversità ed i cieli stellati si fondono in modo sempre sorprendente.

Palermo sarà invece la seconda tappa siciliana dell’itinerario. Nel capoluogo siciliano i ragazzi andranno alla scoperta dei luoghi-simbolo dell’antimafia civile partendo da via D’Amelio, in occasione della cerimonia di commemorazione del 19 luglio 1992, quando alle 16.58, veniva ucciso il magistrato Paolo Borsellino con la sua scorta. Le agende rosse alzate al cielo racconteranno ai Ragazzi Avventura la lunga battaglia di quella parte di società civile che ancora chiede la verità e lotta per la legalità; raggiungeranno poi, nei pressi della A29, la casina NO MAFIA a Capaci, e attraverso i racconti dei ragazzi di AddiopizzoTravel visiteranno il luogo dal quale Giovanni Brusca azionò l’esplosivo che causò la morte del Giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di scorta, diventato oggi monumento simbolo di riscatto. Al Nautoscopio i sei giovani conosceranno i componenti dell’associazione “Sulle nostre Gambe”, ideatori di Noma, l’applicazione che guida turisti, giovani e studenti attraverso le strade di Palermo nei luoghi degli attentati mafiosi che hanno sconvolto la storia italiana a partire dagli anni ’70, evidenziando le storie straordinarie di uomini e donne NoMafia.

Nel pomeriggio Ragazzi Avventura prenderà parte all’inaugurazione del SiciliAmbiente, il Festival internazionale di documentari, di corti e animazioni legati ai temi ambientali, della sostenibilità e di diritti umani. Il mare e i meravigliosi tramonti diSan Vito Lo Capo saranno un’altra tappa dell’avventura: un’esperienza a contatto con la natura incontaminata e le tradizioni culinarie italiane che permetterà loro di avvicinarsi senza paura alle diversità dei luoghi, degli ambienti, dei caratteri e delle dinamiche di gruppo. E infine le sedi dei Campi AvventuraScopello e la Riserva dello Zingaro in barca, tra natura selvaggia, spiagge dorate e fondali trasparenti, prima di iniziare la risalita dello Stivale in treno.

Tappa romana.

Giunti nella “città eterna” i Ragazzi Avventura saranno ospiti dell’Ostello Roma Scout Center, un’importante struttura la cui filosofia del rispetto, dello stare insieme, del condividere culture, approcci ed esperienze diverse lo rendono uno dei centri più importanti di turismo sociale, uno spazio di confronto, ma anche di attivismo della vita del quartiere. Si partirà poi alla scoperta della biodiversità, grazie al gioco promosso dal CTS negli spazi di Villa Torlonia.

Sulle note di Casa del Jazz i Ragazzi Avventura faranno il loro ingresso in uno dei beni confiscati alla criminalità e restituito ai romani grazie all’impegno dell’associazione di “Libera contro le Mafie”, che per l’occasione mostrerà ai ragazzi il percorso di trasformazione di una villa appartenuta ad un boss in un luogo d’arte.

In Puglia sarà il Comune di Cagnano Varano, nel Parco Nazionale del Gargano, ad accogliere i sei avventurieri: in bici raggiungeranno un villaggio di pescatori sulla laguna, dove tra panorami mozzafiato potranno sperimentare l’ebrezza di surfare sulle onde con i Sup e a sera gustare in compagnia dei contadini i sapori dei prodotti biologici coltivati nelle fattorie locali.

L’avventura, da compiere in “senso contrario”, dalla Sicilia al Trentino Alto Adige, toccherà il centro Italia, con la tappa abruzzese a Cortino e poi sempre in treno fino a raggiungere l’Umbria, immersi nei boschi della “Foresta di Fontespugna”, tra querce e ambienti che sembrano ancora fuori dal tempo, visitando gli antichi borghi nei pressi del lago Trasimeno.
Innerbach e il Trentino saranno parte dell’impresa più adrenalinica del lungo viaggio, una risalita ad alta quota per poi lanciarsi facendo canyoning lungo i torrenti sulle rapide del fiume Aurino, arrivando sino alla cascata di S. Francesco per visitare la centrale idroelettrica, uno dei luoghi che rende l’Alto Adige una vera green region, che ha saputo distinguersi in fatto di fonti rinnovabili, eticità ed eco-sostenibilità.

Ultima tappa della risalita del gruppo dei giovani avventurieri sarà Milano con appuntamento a Quarto Oggiaro, ospiti di un Punto Luce di Save the Children: nella piazzetta Capuana, luogo simbolico, un tempo per le attività criminali, oggi per i diversi servizi rivolti ai minori e non solo, si terrà una festa conclusiva organizzata dalle associazioni attive nel territorio.

Tutto il viaggio sarà raccontato in tempo reale sui canali social. I ragazzi, come reporter, saranno protagonisti e narratori del loro viaggio: l’intera esperienza verrà video documentata. La pagina Facebook Ragazzi Avventura sarà aggiornata quotidianamente per seguire il viaggio in tutte le sue tappe e poter comunicare con i viaggiatori, nostri occhi in giro per l’Italia.

Lungo le tappe del cammino gli spostamenti saranno tutti in treno e gli alloggi saranno presso strutture eco compatibili che garantiscano un’alimentazione locale, mentre le attività ed i percorsi saranno sotto il segno del turismo responsabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*