Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VII - Num. 37 / 2019

Anno I - Num. 05 - 16 febbraio 2013 Politica e società

Opportunità per i giovani: lavoro trimestrale nei Comuni della Sicilia

di Vilma Maria Costa
         

LavoroIn Sicilia sappiamo che c’è la possibilità oltre che la volontà di realizzare dei cambiamenti. Il Presidente della Regione Crocetta ha davvero intenzione di rendere migliore la sua terra di Sicilia e propone iniziative che piacciono a coalizione e opposizione.

La Giunta regionale in questi giorni sta lavorando a un provvedimento che sarà varato a breve, quindi, occhio giovani!

Ecco di cosa si tratta: giovani competenti verranno reclutati dalla Regione e dovranno lavorare per gli Enti locali per redigere piani energetici che facciano riferimento al Patto dei sindaci, il programma del 2008 dell’Unione Europea realizzato per migliorare l’efficienza energetica e l’utilizzo delle fonti rinnovabili a livello locale. Il consumo di energia è in costante aumento nelle città e ad oggi, a livello europeo, tale consumo è responsabile di oltre il 50% delle emissioni di gas serra causate, direttamente o indirettamente, dall’uso dell’energia da parte dell’uomo. Una nuova azione risulta quindi necessaria al fine di contribuire al raggiungimento degli obiettivi che l’Unione Europea si è posta al 2020 in termini di riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, di maggiore efficienza energetica e di maggiore utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. A questo proposito, il 29 Gennaio 2008, nell’ambito della seconda edizione della Settimana europea dell’energia sostenibile (EUSEW 2008), la Commissione Europea ha lanciato il Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), un’iniziativa per coinvolgere attivamente le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. Questa iniziativa, su base volontaria, impegna le città europee a predisporre un Piano di Azione con l’obiettivo di ridurre di oltre il 20% le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche e misure locali che aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile, che migliorino l’efficienza energetica e attuino programmi ad hoc sul risparmio energetico e l’uso razionale dell’energia.

In Sicilia si sta occupando della realizzazione di questo progetto Antonello Pezzini, consulente del Comitato Economico e Sociale Europeo al quale Crocetta ha affidato il compito di promuovere nell’Isola l’uso delle energie rinnovabili. Pezzini stima in 18 milioni di euro le somme di danaro utili per la realizzazione del Patto dei sindaci, somme su cui i Comuni potranno contare accedendo a prestiti a tasso agevolato della Bei, la Banca Europea per gli Investimenti.

Di questi 18 milioni di euro, 4,5 serviranno a pagare i compensi dei 2.500 giovani che saranno occupati.

I selezionati dopo un corso di formazione di 16 ore, eseguiranno un lavoro di rilevamento dati per la realizzazione dei piani energetici locali. Un primo nucleo di giovani sarà attinto dalla “long list” di esperti costituita l’anno scorso da Sviluppo Italia Sicilia a seguito di un bando del 2010, si tratta di circa 600 ammessi alla lista, quasi tutti giovani, e questi saranno i primi ad essere chiamati.

Pezzini e gli altri esperti che fanno parte della commissione tecnica, da questi costituita, hanno valutato che per realizzare il Patto dei sindaci sarà necessario almeno un anno di tempo e questo significherà una assunzione a tempo determinato di tantissimi giovani.

Quindi attenzione alle notizie dei prossimi giorni per non perdere l’occasione di partecipare al reclutamento con selezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
  1. Redazione TrinacriaNews

    Si deve aspettare che venga varato il provveidmento e daremo tutte le informazioni necessarie, quindi, Keep in touch!

    Rispondi

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*