Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VI - Num. 35 / 2018

Anno IV - Num. 22 - 04 maggio 2016 Politica e società

L’Unione europea si dota di una propria Guardia costiera e di frontiera che da settembre sarà operativa

Giuffrida (Pd): “Guardia costiera europea è importante passo avanti per risposta forte della UE alla emergenza immigrazione”

di Redazione TrinacriaNews
         

giuffrida URL IMMAGINE SOCIALFrontex addio. per affrontare le mille emergenze legate ai flussi migratori, con una struttura che si occuperà del controllo e della sicurezza delle frontiere esterne, garantendo al contempo la libera circolazione delle persone all’interno dello spazio Schengen. “Per la prima volta, e finalmente, viene introdotto il principio di una gestione europea integrata delle frontiere – dichiara Michela Giuffrida, eurodeputato del PD – con un regolamento, votato oggi dal Parlamento europeo, che prevede una revisione completa del mandato di Frontex, la cui struttura sarà inglobata dalla Guardia costiera europea, attraverso un rafforzamento significativo delle sue competenze, funzioni, dotazioni in uomini e mezzi. E’ finalmente una risposta, ma certo non lo consideriamo un punto di arrivo – aggiunge Giuffrida – alla drammatica problematica che l’esodo migratorio ci impone di affrontare senza più indugi. Parlamento, Commissione, Consiglio si sono ritrovati attorno al concetto di «responsabilità condivisa» nell’istituzione di una cabina di regia europea che dovrà dare risposte tempestive ed efficaci nella gestione delle emergenze. Non possiamo più assistere a tragedie che si ripetono e che hanno trasformato il Mediterraneo in un cimitero. Né si può pensare, come fanno altri – sottolinea l’eurodeputato – di continuare a trincerarsi dietro giochi di parole e continua demagogia in assenza di proposte concrete”. La valutazione delle vulnerabilità per un controllo efficace delle frontiere esterne, l’impiego di funzionari di collegamento con gli Stati membri, la procedura di attivazione entro 3 giorni degli interventi operativi urgenti con un contingente di 1.500 guardie di frontiera messe a disposizione da tutti gli Stati membri per il dispiegamento rapido, sono solo alcuni degli elementi di novità. L’attuale organico di Frontex passerà entro il 2020 a 550 unità mentre, complessivamente, l’Agenzia potrà contare entro il 2020 su 1000 addetti.

Riorganizzare il sistema di pattugliamento sotto l’egida UE – commenta Giuffrida – è fondamentale per non lasciare ai singoli paesi, e l’Italia ne ha scontato le conseguenze senza per questo far mancare la propria concreta solidarietà ai migranti, l’onere della gestione dei flussi. L’istituzione dell’Agenzia consentirà ora di accrescere la solidarietà tra gli Stati membri, rafforzare l’integrazione per quanto riguarda la gestione delle frontiere e contribuire a prevenire le situazioni di crisi alle frontiere esterne”.

La proposta prevede inoltre un ruolo molto più incisivo dell’Agenzia in materia di rimpatri, il rafforzamento della sua capacità (personale, dotazione di bilancio, apparecchiature), una maggiore cooperazione con i paesi terzi, l’istituzione di una cooperazione europea sulle funzioni di guardia costiera. L’obiettivo è assistere gli Stati membri anche nell’organizzazione pratica delle operazioni di rimpatrio, senza per questo entrare nel merito delle decisioni di rimpatrio emanate dagli Stati membri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*