Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno IX - Num. 46 - 02 ottobre 2021

Anno IV - Num. 23 - 07 luglio 2016 Politica e società

Convegno Etica, Performance e CUG per prevenzione e contrasto forme di malessere lavorativo, discriminazioni, molestie

di Maria Concetta Cefalù
         

etica performance e CUG URL IMMAGINE SOCIALSi è svolto il primo luglio a Caltanissetta presso la Biblioteca comunale «Luciano Scarabelli» il primo convegno organizzato dal Presidente del C.U.G. Comitato Unico di Garanzia per le Pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni della Regione Siciliana – Maria Rita Comparetti, dal titolo Etica, Performance e CUG che ha visto coinvolti tutti i Comuni della Sicilia al fine di avviare un dialogo interistituzionale per la prevenzione e il contrasto delle varie forme di malessere lavorativo, discriminazioni, molestie, stress lavoro correlato, mobbing nei luoghi di lavoro.

Ad aprire i lavori, dopo i saluti istituzionali, il Presidente del C.U.G. e componente delgruppo di Coordinamento Regionale per lo Stress Lavoro Correlato e Benessere Organizzativo Maria Rita Comparetti, che ha evidenziato l’importanza strategica del Comitato Unico di Garanzia della Regione Siciliana, nuovo strumento in grado di assicurare, senza maggiori costi per la Pubblica Amministrazione, un ambiente di lavoro salubre, equo e maggiormente produttivo . Il C.U.G. istituito con la legge 183/2010 all’art.21 dal titolo « Misure atte a garantire pari opportunità, benessere di chi lavora e assenza di discriminazioni nelle amministrazioni pubbliche » che ha modificato gli articoli 1, 7, 57 del Decreto Lgs. n. 165 del 30 marzo 2001, ha unificato le competenze sia del Comitato delle pari opportunità sia quelle del Comitato paritetico sul fenomeno del mobbing operanti nelle pubbliche amministrazioni, ed assunto le funzioni che la legge, i contratti collettivi e le altre disposizioni attribuivano ai due Comitati soppressi, al fine di assicurare nell’ambito del lavoro pubblico parità e pari opportunità di genere, garantire l’assenza di qualunque forma di violenza morale, o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all’età, all’orientamento sessuale, alla razza, all’origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua e attua azioni e favorire il benessere organizzativo. Maria Rita Comparetti ha inoltre, illustrato le attività del coordinamento nazionale ed i lavori del Tavolo InterCUG «Tavolo tecnico Presidenti Comitati Unici di Garanzia – Regioni ad Autonomia differenziata – Regioni meridionali e Isol», i rapporti con la Conferenza Stato-Regioni, il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, con gli organismi del Dipartimento delle Pari Opportunità, soffermandosi in particolare sulla stesura del Documento strategico del 6 maggio 2016 «OIV Etica e CUG», inoltrato al Presidente della Commissione Affari Istituzionali della Presidenza Stato Regioni Prof. Antonio Viscomi. Sono state illustrate le attività poste in essere per il benessere dei lavoratori della Regione Siciliana, dal Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico (D.A.S.O.E.) istituito con L.R. del 16.12.2008 n. 19 che costituisce insieme al Dipartimento per la Pianificazione strategica l’articolazione organizzativa dell’Assessorato Regionale della Sanità, ed ancora, sono state approfondite le tematiche relative all’esperienza formativa in itinere del DASOE in collaborazione con il CEFPAS il Centro di Formazione permanente e l’aggiornamento del personale del Servizio Sanitario in materia di stress lavoro correlato rivolta alle Aziende Ospedaliere della Regione Sicilia e alle Aziende Sanitarie Provinciali.

Alessandra Cascio – Consigliera di Parità Caltanissetta ha relazionato sugli strumenti della Conciliazione tempi lavoro – famiglia, sulla Carta delle Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro, promossa dalla Fondazione Sodalitas, AIDAF, AIDDA, Impronta Etica, UCID, l’Ufficio Nazionale Consigliera di Parità, con l’adesione del Ministero del Lavoro, della Salute, e delle Politiche Sociali e il Ministero per le Pari Opportunità. La carta lanciata in Italia il 5 ottobre 2009 sulla scia del successo delle iniziative francese e tedesca, è una dichiarazione di intenti, sottoscritta volontariamente da imprese di tutte le dimensioni, per la diffusione di una cultura aziendale e di politiche delle risorse umane libere da discriminazioni e pregiudizi.

Salvatore Cortesiana Presidente Regionale AIF Sicilia Associazione Italiana Formatori ufficialmente riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico nonché Responsabile del Servizio Formazione e dell’Ufficio Programmazione e Controllo del Comune di Siracusa, ha approfondito le tematiche su: «Anticorruzione e valutazione della Performance individuale», soffermandosi sulla legge 6 novembre 2012, n. 190, recante «disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione»,e sulla la volontà della Pubblica Amministrazione Italiana di adottare strumenti concreti e una formazione capillare e mirata volti a prevenire ed a reprimere il fenomeno dilagante della corruzione e dell’illegalità all’interno delle strutture amministrative pubbliche. Salvatore Cortesiana ha inoltre, illustrato l’iter giuridico-tecnico normo operativo dell’OIV – l’Organismo Indipendente di Valutazione della Performance, istituito ai sensi dell’art. 14 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009 n. 150, che ha sostituito il Servizio di controllo interno e che svolge, in aggiunta alle attività di controllo strategico, di cui al decreto legislativo n. 286/1999, ulteriori attività disciplinate dal decreto legislativo n. 150/2009, dalla legge 190/2012 e dal decreto legislativo n. 33/2013, unitamente alle novità poste in essere dalla novellazione dell’art.14 con il Decreto- Legge 24 giugno 2014 n. 90 e dal recentissimo Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2016 n. 105.

Maura Cascio psicologa, psicoterapeuta, esperta di formazione del CEFPAS, didatta di PNL componente del Gruppo di Coordinamento Regionale per lo stress lavoro correlato e il Benessere Organizzativo (istituito con DDG n. 2197 del 18/12/2014) ha relazionato su «valutazione dello Stress lavoro correlato al Benessere organizzativo» e approfondito la normativa statuita nel Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (D. Lgs. n. 81/08), e l’accordo Quadro Europeo sullo stress lavoro-correlato (Ottobre 2004) secondo cui “lo stress è una condizione, accompagnata da sofferenze o disfunzioni fisiche, psichiche, psicologiche o sociali, che scaturisce dalla sensazione individuale di non essere in grado di rispondere alle richieste o di non essere all’altezza delle aspettative“. Maura Cascio ha spiegato che la Regione Sicilia, con D.D.G. n.472/2016 dell’Assessorato Regionale della Salute – Dipartimento Attività Sanitarie e l’Osservatorio Epidemiologico, Servizio 3, “Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro” – ha inteso operare una scelta mirata orientando la valutazione attraverso la definizione delle Linee guida del sistema di valutazione e gestione dello Stress Lavoro Correlato nelle strutture sanitarie della Regione Siciliana.

Infine, Maria La Russa – Psicologa, Componente del C.U.G. della Regione Siciliana, Consigliera di Fiducia Dipartimento Regionale Urbanistica ha relazionato su «importanza dell’ascolto attivo a supporto della Pubblica Amministrazione ai fini della prevenzione e del contrasto dei conflitti lavorativi- itinerari delle segnalazioni dei comportamenti vessatori» e spiegato l’implementazione del nuovo modello sperimentale di conciliazione per la risoluzione di conflitti all’interno delle Pubbliche amministrazioni, evidenziando l’importanza del dialogo e della comunicazione interna, dell’ascolto attivo, dello sviluppo motivazionale, e del senso di appartenenza del lavoratori nei confronti della propria amministrazione.

Tra i presenti il Dott. Angelo Lo Maglio alla Direttore del Centro di Formazione Permanente e l’Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario (CEFPAS) di Caltanissetta; Gabriella Santaguida, Dirigente dell’ Ente Parco delle Madonie, Sindacato DIRSI, Sara Lanza Presidente C.U.G. dell’ASP di Ragusa, Direttore UOC Medicina fisica e Riabilitativa Ospedali Riuniti di Vittoria e di Comiso, Linda Sciacco Presidente C.U.G. del Comune di Ragusa, Rita Fangano Presidente C.U.G. del Comune di Priolo Gargallo, Salvatore Massimiliano Arena Presidente C.U.G. del Comune di Niscemi, Angelo La Mattina Presidente C.U.G. del Comune di Campobello di Licata, Cosimo Antonica Presidente C.U.G. del Comune di Agrigento, Loredana Gambino Presidente C.U.G. del Comune di Caltanissetta, Maria Canale Presidente C.U.G. del Comune di Messina, Filippa Giugno Presidente C.U.G. del Comune di Misterbianco, Anna Scovazzo Presidente C.U.G. del Comune di Partanna, il Vice Sindaco del Comune di Niscemi  Dott. Rosario Meli, il Vice Sindaco del Comune di Priolo Gargallo Santo Gozzo, Vincenzo Gangi Chiodo Dirigente del Servizio del Personale Comune di Alimena, Giampiero Cortese Assessore al Personale  del Comune di Enna.

Grazie allo sviluppo di nuove sinergie e scambio di buone prassi tra Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (C.U.G.), l’Organismo indipendente di valutazione della performance (O.I.V.) e la Struttura Tecnica Permanente per la misurazione della performance (S.T.P.) si potrà garantire il raggiungimento di risultati di benessere organizzativo, contrastare forme di discriminazione, assicurare una pari opportunità, ed una maggiore produttività a livello aziendale qualitativamente migliore e conforme ai principi etici e di legalità.

I Presidenti dei CUG dei Comuni intervenuti hanno condiviso la prospettiva di lavorare insieme con il Presidente del C.U.G. della Regione Siciliana, attraverso momenti istituzionali itineranti tecno–operativi e formativi da porre in essere nella Sicilia orientale e occidentale, anche nelle sedi dei rispettivi Comuni, con l’obiettivo di promuovere iniziative per la prevenzione della corruzione, il contrasto del malessere lavorativo, delle discriminazioni, per garantire nei luoghi di lavoro un clima sereno, adeguato alle esigenze dei lavoratori, più sano, produttivo, esente da rischi volto all’incremento del benessere organizzativo e al miglioramento delle performance individuali e collettive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*