Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VI - Num. 34 / 2018

Anno VI - Num. 31 - 8 febbraio 2018 Politica e società

Cerimonia intitolazione via della Giraffa di Palermo a Mico Geraci, sindacalista UIL ucciso dalla mafia

di Redazione TrinacriaNews
         

Si è svolta questa mattina la cerimonia di intitolazione della via della Giraffa di Palermo a Mico Geraci,  sindacalista ucciso dalla mafia a Caccamo l’8 ottobre 1998.  Erano presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, Giovanni Geraci, figlio di Mico, il segretario generale della Uil e quello regionale, Carmelo Barbagallo e Claudio Barone.

“Mico Geraci – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – è stato e continua ad essere un grande esempio per tutti noi. I nostri partigiani siciliani, infatti sono stati i sindacalisti che hanno pagato con il sacrificio della vita la quotidiana difesa della legalità dei diritti. Oggi, il senso di questa intitolazione è cercare di collegare il ricordo all’impegno e per fare memoria abbiamo scelto la strada di una scuola”.

“Ricordo benissimo l’ultima volta che l’ho visto – ha commentato Carmelo Barbagallo -, è stato una settimana prima dell’efferato omicidio. Ero preoccupato e gli chiesi cosa potesse succedergli in una realtà come quella di Caccamo, visto il suo forte impegno politico. Lui cercando di tranquillizzarmi mi disse: «Sono vent’anni che non sparano più». E dopo vent’anni, invece, spararono uccidendo una persona che meritava di sopravvivere. Oggi onoriamo Mico Geraci con l’impegno”.

Per Claudio Barone: “Impossibile dimenticare la sua bravura e la sua carica umana. Mico Geraci ha condotto una battaglia per la trasparenza e contro le infiltrazioni mafiose raccogliendo un forte consenso nel territorio. E’ questo che dobbiamo trasmettere alle giovani generazioni: il ricordo di chi ha saputo impegnarsi per cambiare le cose fino a pagare con la vita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*