Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 27 / 2017

Anno II - Num. 06 - 26 aprile 2013 Politica e società

Caso Denise Pipitone: Jessica Pulizzi è stata appena assolta

di Vilma Maria Costa
         

denise-pipitoneMarsala – Unica vittima di tutto il processo resta la piccola Denise cercata disperatamente da una mamma che non si rassegnerà mai e che non perderà mai la speranza di riabbracciare la sua piccolina.

E’ arrivata la tanto attesa sentenza che vedeva la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, imputata, per concorso nel sequestro e per la quale i pm Sabrina Carmazzi e Francesca Rago avevano chiesto 15 anni di carcere: il massimo della pena prevista per questo reato.

Denise è nata da una relazione tra Piero Pulizzi (padre di Jessica ed ex marito di Anna Corona) con Piera Maggio. La piccola è scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di 4 anni.

Secondo l’accusa, Jessica avrebbe agito per gelosia. Ma i giudici del tribunale di Marsala hanno da pochissimo assolto Jessica Pulizzi, hanno, invece, condannato a due anni l’ex fidanzato di Jessica, Gaspare Ghaleb, per false dichiarazioni ai magistrati. I giudici hanno, infatti, ritenuto le prove dell’accusa nei confronti di Jessica Pulizzi solo indiziarie e non sufficienti per condannarla.

I pm Sabrina Carmazzi e Francesca Rago avevano chiesto 15 anni di carcere per l’imputata e 5 anni e mezzo per Gaspare Chaleb.

Le prime parole del padre di Denise, presente in aula, sono state: “Non è possibile…non è possibile…questa non è giustizia”.

L’avvocato Frazitta, legale della mamma Maggio, sicuramente ricorrerà in appello.

Sentenza giusta, Jessica è innocente è il commento dei legali della principale imputata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>