Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VI - Num. 32 / 2018

Anno V - Num. 30 - 26 novembre 2017 Politica e società

Assessore Armao in V° Commissione per problematiche finanziarie sollevate da 9 associazioni culturali e antimafia

di Redazione TrinacriaNews
         

“E’ fondamentale investire in cultura, l’impegno del Governo Musumeci, oggi, è finalizzato a riscrivere le regole con le quali assegnare, per questo anno, i contributi nel settore culturale,dopo che sarà approvata la legge di stabilità”

Così oggi il Vice Presidente della Regione e Assessore Regionale dell’Economia Gaetano Armao è intervenuto in V° Commissione cultura, convocata dal Presidente Sammartino, per discutere di problematiche di natura finanziaria sollevate da 9 tra associazioni culturali e antimafia, che avevano richiesto di essere sentite, in merito alla riduzione dei fondi, alle stesse assegnate, ai sensi dell’Art. 28 della L.R. n. 11/2010 relativa a trasferimenti annuali in favore di enti.

“Si tratta – afferma– purtroppo di una vicenda che abbiamo ereditato dalla precedente gestione e sulla quale non avevamo alcun margine di manovra. Il ruolo e l’attività svolta da queste Associazioni, ha detto l’ Assessore dell’ Economia, è strategico, per questo riteniamo fondamentale – continua – che vengano definite una revisione dei criteri di valutazione e di assegnazione dei fondi, e che siano ridotti drasticamente i margini di discrezionalità delle commissioni nonché si stabiliscano tempi certi, per la emanazione del Bando.

Comprendo le difficoltà che oggi rappresentano le Associazioni, ma – sottolinea – non avevamo scelta. Ci siamo trovati con un bando deliberato dalla Giunta Crocetta e graduatorie frutto dell’attività delle commissioni nominate nei diversi Dipartimenti, rispetto a cui non potevamo, seppur nella consapevolezza di disomogeneità e riduzione della spesa, operare alcun correttivo.

Da adesso – conclude– vogliamo voltare pagina, il nuovo corso è già cominciato con la definizione di nuovi criteri per il bando del 2018 e l’avvio di un lavoro di rinegoziazione degli accordi sottoscritti dal precedente governo, che ci obbligano ad una riduzione della spesa corrente del 3% annuo, faremo in modo che in questa percentuale, impostaci dall’improvvido accordo, non rientrino le somme destinate alla cultura”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*