Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VIII - Num. 40 - 13 gennaio 2020

Anno I - Num. 01 - 18 aprile 2012 Politica e società

All’indietro e sui tacchi a spillo Convegno del Tavolo Permanente delle Politiche di Genere della Sicilia

di Vilma Maria Costa
         

All’indietro e sui tacchi a spillo Convegno del Tavolo Permanente delle Politiche di Genere della SiciliaPalermo – Per l’8 marzo, data riconosciuta come giornata dedicata alle donne, si è tenuto presso la Camera di Commercio un convegno organizzato dal Tavolo Permanente per il Coordinamento delle Politiche di genere della Regione Sicilia costituito da donne appartenenti ad organizzazioni datoriali e sindacali per combattere le discriminazioni che subiscono le donne a tutti i livelli e in tutti i settori  lavorativi. Questo convegno, realizzato in una giornata così significativa, dedicata totalmente alle donne, è servito ad accendere un faro su alcune problematiche, la conciliazione vita-lavoro, la discriminazione della donna nei contesti lavorativi. E, inoltre, intende fare conoscere quali strumenti legislativi sono a disposizione per la tutela della donna  che, spesso, per mancanza di informazione, non vengono utilizzati. Altro obbiettivo del tavolo sarà quello di fare attuare ciò che la legge prevede per la realizzazione, anche in Sicilia, di un Coordinamento delle Pari Opportunità che serva per il monitoraggio della condizione femminile in Sicilia e di aiuto per la tutela delle donne. Donne che sono da considerarsi, per la loro poliedricità e per la grande sensibilità nell’affrontare qualsiasi tipo di problematica, una grande ricchezza per il Paese. E’ stato dimostrato, infatti, da studi e ricerche che promuovere politiche di genere e valorizzare le capacità, le professionalità e i talenti delle donne innesca un sistema di sviluppo positivo a catena su tutti i settori produttivi del Paese che inevitabilmente e conseguentemente crea una crescita significativa del PIL (Prodotto Interno Lordo).

Il convegno è stato suddiviso in due tavole rotonde moderate rispettivamente da due eccellenti giornaliste RAI, Maria Pia Farinella e Tiziana Martorana che hanno condotto l’incontro con la professionalità che le contraddistingue, concatenando tutti gli interventi con grande maestria.

La prima tavola rotonda ha visto come relatrici le seguenti donne:

Patrizia Di Dio, Presidente della Confcommercio di Terziario Donne, Ester Vitale Segreteria regionale Uil, Maria Bonanno Coordinatrice regionale CNA – Confederazione Nazionale Artigiani, Marcella Falzone Presidente di Confcooperative, Commissione Donne, Gabriella Cerdone dirigente UGL su delega della Dott.ssa Gianna Di Martino, Ivana Calabrese Presidente di una associazione Onlus, Aurora, che si occupa anche della gestione di due beni confiscati alla mafia a Monreale e Partinico e, infine, l’Avv. Maria Pia Piricò Vicepresidente regionale di Confagricoltura.
Mostra cenni sugli interventi delle relatrici del primo tavolo.

La seconda tavola rotonda ha visto come relatrici le seguenti donne:

Maria Concetta Cammarata Presidente regionale delle donne imprese Confartigianato, Barbara Carrara Responsabile coordinamento donne CISL regionale, Caterina Di Chiara di Confindustria e  Presidente Comitato imprenditoria femminile Camera di Commercio di Palermo,ma che ha anche un ruolo nella Camera di Commercio, Angela Sciortino Direttore Regionale CIA- Confederazione Italiana Agricoltori Sicilia, Giulia Bongiorno responsabile imprenditoria femminile Confesercenti regionale, Serena Citrolo presidente regionale commissione pari opportunità LegaCoop, Antonella Cappadona dirigente AGCI – Associazione Generale Italiana Cooperative- donne Sicilia, a tirare le fila di questa giornata Elvira Morana segretaria regionale CGIL.
Mostra cenni sugli interventi delle relatrici del secondo tavolo

Ha concluso i lavori l’intervento di Elvira Morana Segretario regionale CGIL che ha parlato di nuovo sistema di network femminile.
Mostra cenni dell’intervento

>> scarica brochure progetto Fil

no images were found

© RIPRODUZIONE RISERVATA
  1. gilda gubiotti

    Nel campo dell’arte le donne siamo fortemente penalizzate,l’ascesa ci viene impedita perchè è stabilito da organizzatori poco attenti che solo gli uomini possono raggiungere traguardi molto alti.

    Rispondi

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*