Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno V - Num. 29 / 2017

Anno V - Num. 28 - 08 giugno 2017 Politica e società

Agenzia Entrate, UILPA commenta condanna per molestie sessuali ex direttore: “l’azione mediatica del sindacato ha prodotto risultati”

di Redazione TrinacriaNews
         

“La Uil Pubblica Amministrazione è stata la prima organizzazione sindacale a prendere posizione, senza ambiguità alcuna, sull’incresciosa vicenda dell’ex direttore dell’Agenzia delle Entrate di Palermo Domenico Lipari,  oggi in pensione, accusato da due impiegate di molestie in ufficio”: con queste parole, il segretario generale della UILPA Sicilia Alfonso Farruggia e il coordinatore regionale UILPA Entrate Giovanni Di Pisa commentano la recente sentenza della Corte d’Appello del Tribunale di Palermo, che ha revisionato il giudizio di primo grado condannando l ’ex direttore a due anni e mezzo di reclusione.

“Non condividemmo la prima sentenza, con la quale Lipari venne assolto – si legge in una nota siglata da Farruggia e Di Pisa – e,  per sensibilizzare l’opinione pubblica a livello nazionale, in quell’occasione ci avvalemmo di tutti gli strumenti possibili per dire a chiare lettere che la UILPA non poteva accettare un simile sopruso a danno di due lavoratrici: ebbene, alla luce del ribaltamento della sentenza, possiamo affermare che la nostra azione mediatica e sindacale ha dato i suoi frutti”.

“La UILPA – aggiungono i due sindacalisti – difenderà sempre tutti i lavoratori vittime di ingiustizie, e si schiererà sempre a fianco delle donne che si ribellano dinanzi a simili gesti inqualificabili”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*