Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno XII - Num. 55 - 04 maggio 2024

Anno XII - Num. 55 - Politica e società

Accordo tra Cgil Cisl e Uil Sicilia e Malta, nasce il consiglio sindacale interregionale

di Redazione TrinacriaNews
         

Palermo. “Ricercare sinergie e forme di cooperazione con una dimensione europea”. Questo l’obiettivo di Cgil, Cisl e Uil Sicilia e Gwu, l’organizzazione sindacale di Malta, che insieme hanno istituito il consiglio sindacale interregionale.  Le due isole includono, infatti, un importante numero di lavoratori frontalieri e transfontalieri. In Europa sono circa 1,6 milioni e di questi oltre diecimila sono residenti nelle province siciliane. Tutto ciò ha permesso a Malta e alla Sicilia di “usufruire di competenze spesso non presenti nei propri territori e sblocchi occupazionali che sino ad oggi hanno prodotto sviluppo economico e scambi socio- culturali facendo consolidare il rapporto in un contesto di positivo rinnovamento nelle relazioni fra gli Stati europei”.

Adesso l’obiettivo del Csir Sicilia- Malta è di “realizzare parità di condizione tra le lavoratrici e i lavoratori senza alcuna discriminazione di tipo salariale, professionale o di protezioni sociali”.

A firmare lo statuto Gabriella Messina, Giuseppe Scifo e Aldo Mattisi della Cgil Sicilia, Rosanna Laplaca della Cisl Sicilia e Giovanni D’Avola della Uil Sicilia insieme ai responsabili nazionali dei frontalieri Giuseppe Augurusa, Marco Contessa e Raimondo Pancrazio. Per la Gwu erano presenti Riccardo Travaglini e Jurgen Azzopardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*