Periodico registrato presso il Tribunale di Palermo al n.6 del 04 aprile 2012

Anno VII - Num. 37 / 2019

Anno I - Num. 03 - 28 settembre 2012 Sport

8a edizione regata Palermo – Montecarlo: 500 miglia da Circolo Vela Mondello e Yacht Club di Monaco

di Viviana Villa
         

Conferenza stampa Palermo MontecarloPalermo – Il 17 agosto è stata presentata nella splendida location del Circolo della Vela di Mondello l’ottava edizione della prestigiosa regata d’altura Palermo – Montecarlo, organizzata dal Circolo della Vela Sicilia in collaborazione con lo Yacht Club di Monaco. La “regata-evento” è partita dal Golfo di Mondello il 18 agosto per concludersi presso il porto di Montecarlo il 23 agosto con la cerimonia di premiazione dei vincitori. Si tratta di un percorso di 500 miglia nel cuore del Mar Tirreno, che ha visto la partecipazione di trenta yacht e di equipaggi di prestigio, all’interno dei quali ben sei velisti reduci di gare e vittorie olimpiche.

In occasione della conferenza stampa, sono intervenuti il Presidente del Circolo della Vela Agostino Randazzo, il Commissario Generale della Sezione Vela dello Yacht Club di Monaco Adalberto Miani, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il Presidente della Provincia Giovanni Avanti.

Il Presidente Randazzo ha presentato la manifestazione, preannunciando il successo dell’edizione 2012 testimoniato da un importante incremento del numero dei partecipanti. In un anno difficilissimo per tutti gli equipaggi – ci ha dichiarato –  si tratta di un ottimo risultato, che rappresenta una conferma dell’attrattività della regata. La Palermo – Montecarlo è relativamente giovane rispetto alle altre grandi regate d’altura, che hanno oltre settanta anni di storia alle loro spalle. È una manifestazione che sta crescendo, che vede la presenza di olimpionici, di velisti di eccezione che hanno partecipato alla Coppa America. Si tratta del meglio che la vela mondiale possa rappresentare.

Quest’anno la Palermo – Montecarlo è stata inserita all’interno del Calendario ufficiale delle manifestazioni di Grande Richiamo Turistico della Regione Siciliana. A questo proposito, il Presidente del Circolo della Vela ci ha spiegato che questo importante riconoscimento è arrivato grazie alla validità conferita dalle sette edizioni precedenti. Inoltre, la regata ha assunto un’importante valenza turistica. Palermo è una meta ambita, così come Montecarlo, quindi si tratta di una regata perfetta da questo punto di vista, che ci auguriamo nel futuro potrà attrarre sempre più gente.

Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha manifestato il suo vivo apprezzamento per la manifestazione. Si tratta di una straordinaria occasione per mettere in vetrina l’amore per il mare e per la vela, ma anche per creare rapporti e legami tra Palermo e altre città del Mediterraneo. La presenza di sponsor di grandi imprese siciliane costituisce un ulteriore elemento di positività, che il sindaco non può non sottolineare.

Anche il Presidente della Provincia Giovanni Avanti ha espresso al nostro giornale la sua soddisfazione per una manifestazione che diventa sempre più un polo attrattore, non solo dal punto di vista sportivo nel segmento della vela d’altura. Consolidandosi nel tempo – continua – la regata è ormai un punto di riferimento, un evento atteso in ambito internazionale, che rappresenta un’occasione per promuovere un territorio che ha grandi valenze culturali, turistiche e ambientali. Lo testimonia anche l’aumento degli equipaggi iscritti che, in questo periodo così difficile, costituisce un dato significativo e importante. Il binomio che si crea fra due realtà, seppur diverse, costituisce un’opportunità di scambio per creare sinergie, per far conoscere agli equipaggi di altri paesi il nostro splendido territorio.

In occasione dell’evento, il Commissario Generale della Sezione Vela dello Yacht Club di Monaco Adalberto Miani ha omaggiato il Circolo della Vela della bandiera simbolo del club monegasco dai tipici colori bianco e rosso, per “sancire” l’unione e la collaborazione fra i due circoli.

In contemporanea alla conferenza stampa, l’imbarcazione Esimit Europa 2, detentrice del record della regata, ha fatto la sua comparsa tra le onde del mare di Mondello, apparendo, come su un insolito schermo televisivo, tra gli archi della splendida sede del Circolo.

La regata Palermo-Montecarlo

La conferenza è proseguita con la presentazione dei rappresentanti dei vari equipaggi, i veri protagonisti della regata. Primo fra tutti ha espresso i suoi saluti Gaetano Mura, un personaggio emergente della vela, che ha partecipato alla regata con il Class 40 Bet 1128, con cui sta preparando anche il giro del mondo che si terrà fra due anni.

Di seguito è stato presentato Pietro D’Alì, che quest’anno è stato scelto dal Circolo della Vela Sicilia per gareggiare alla Palermo – Montecarlo con WB Five. Il velista ha partecipato a numerosi eventi di caratura internazionale: le Olimpiadi con la Star a Sidney 2000, il giro del mondo con Brookfield nel 1993, la vela oceanica con Giovanni Soldini. Inoltre, è stato randista di Luna Rossa nella Coppa America nel 2000.

Grandi applausi ha riscosso anche il pluricampione olimpico Jochen Schümann (tre medaglie d’oro: Montreal 1976, Seoul 1988, Atlanta 1996 e una d’argento: Sidney 2000) e detentore del record della regata con 48 ore, 52 minuti e 21 secondi, stabilito nel 2010. Il velista è arrivato alla conferenza sbarcando direttamente da Esimit Europa 2, imbarcazione dell’armatore sloveno Igor Simcic, la quale sin dall’inizio è stata data per grande favorita della competizione e che alla fine ha tagliato per prima il traguardo a Montecarlo.

E’ stata poi la volta di un altro campione olimpionico, il velista di catamarani australiano Mitch Booth (una medaglia d’argento: Atlanta 1996 e una di bronzo: Barcelona 1992). Per questa regata, ha veleggiato con Kuka Light, dell’armatore Franco Niggeler, un’imbarcazione nuova e innovativa, definita il “monomarano”, l’incrocio tra un monoscafo e un catamarano.

La regata Palermo – Montecarlo ha costituito anche un’occasione per disputare una sorta di “derby” tra i due club palermitani: il Circolo della Vela Sicilia e il Club Roggero di Lauria, con le rispettive imbarcazioni WB Five e Team Lauria (quest’ultimo un Cookson 50 con tre velisti palermitani Marco e Gabriele Bruni e Giuseppe Angilella, timoniere a Londra 2012).

Tra gli equipaggi in gara anche quello di Fishbone degli armatori Lorenzo Spataro e Michelangelo Gruttadauria, la barca della Lega Navale di Palermo che ha sostenuto una sfida particolare con un equipaggio di velisti normodotati insieme a velisti disabili, seguendo un progetto di integrazione che ha riscosso molto successo. Al timone, ha partecipato l’atleta non vedente Giulia Di Piazza, alla sua terza partecipazione alla regata, mentre alla randa ha preso parte Giuseppe Gennaro, atleta disabile che ha perso l’uso delle gambe in un incidente stradale.

In conclusione è intervenuto a sorpresa Fabrizio Miccoli, attaccante del Palermo, per sancire, attraverso lo scambio dei rispettivi gagliardetti, una sorta di gemellaggio tra il Palermo Calcio e l’imbarcazione slovena Esimit Europa 2.

Il giorno successivo alla conferenza è iniziata la regata vera e propria. Alle ore 12.00 del 18 agosto è stato dato il via alla competizione che ha visto fin dai primi minuti Esimit Europa 2 in prima posizione. A mezz’ora dalla partenza, infatti, l’imbarcazione si trovava già oltre 5 miglia al largo di Capo Gallo, quando i primi inseguitori si apprestavano a uscire dal Golfo di Mondello. In realtà, la gara si è rivelata difficile, a causa di una bolla di alta pressione che ha portato venti leggeri e incostanti sul Mar Tirreno. Esimit Europa 2 nel primo giorno di gara ha fatto una scelta tattica molto estrema: costeggiare la costa italiana tra la Campania e il Lazio alla ricerca di rinforzi di vento da Nord Est, previsti da alcuni modelli meteo. Questa scelta ha però penalizzato in un primo momento l’imbarcazione, che ha perso il primo posto. In testa alla gara si è mantenuta Team Lauria, che ha conservato una rotta diretta, oltre che una velocità costante. Durante il secondo giorno, l’imbarcazione slovena ha accelerato e ha recuperato lo svantaggio, puntando alla vittoria. A causa del vento debole, però, il sogno di battere il proprio record del 2010 è stato abbandonato.

La notte del 21 agosto, il traguardo è stato tagliato in volata da Esimit Europa 2, seguita da Team Lauria. Si è trattato di un finale emozionante, i cui le due imbarcazioni, dopo sorpassi e controsorpassi, sono arrivate al traguardo con un distacco di soli 15 minuti.

Grande è stata la soddisfazione degli equipaggi. L’armatore di Esimit, Igor Simcic ha affermato che si è trattato di una vittoria sofferta, perché la regata si è svolta diversamente da come l’equipaggio aveva pianificato. Abbiamo cercato vento favorevole per battere il record, ma ci siamo resi conto che rischiavamo di perdere la vittoria in tempo reale. Per questo abbiamo fatto un recupero incredibile e, alla fine, abbiamo vinto.

Anche Marco Bruni, skipper di Team Lauria ha espresso il suo entusiasmo. È stata una gara incredibile – ha detto – la barca è sensazionale e velocissima. L’equipaggio ha dato il massimo. Ritengo che una regata del genere sia qualcosa di irripetibile. Se alla vigilia mi avessero detto che saremmo arrivati in volata con Esimit e tagliato il traguardo solo un quarto d’ora dopo di loro, non ci avrei creduto mai e poi mai!

L’imbarcazione slovena è stata proclamata il “vincitore in tempo reale”, alla quale è stato assegnato il Trofeo Giuseppe Tasca D’Almerita. Il vincitore della classifica in tempo compensato nella classe più numerosa (IRC) e del Trofeo Angelo Randazzo è stato invece Team Lauria.

Durante la regata non sono mancati gli imprevisti. L’imbarcazione Coral ha subito un incendio a bordo, che ha costretto l’equipaggio russo ad abbandonare rapidamente la barca e a salire sulla zattera di salvataggio. La Guarda Costiera è subito intervenuta per trarre in salvo l’equipaggio, che in seguito all’affondamento della barca ha perso tutti gli effetti personali.

La premiazione è avvenuta il 23 agosto allo Yacht Club di Monaco. Di seguito è stata organizzata una cena con gli equipaggi, alla quale hanno partecipato anche il segretario generale dello Yacht Club de Monaco Bernard D’Alessandri, il presidente del Circolo della Vela Sicilia Agostino Randazzo, l’Ambasciatore di Monaco a Roma Philippe Bianchi, il direttore del porto di Montecarlo Giovanbattista Borea D’Olmo, il consigliere del Circolo della Vela Sicilia Giuseppe Tasca d’Almerita, il Commissarrio della Sezione Vela dello Yacht Club de Monaco Adalberto Miani, il CEO di Lombardini Marine Luigi Aldini.

no images were found

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

TrinacriaNews.eu favorisce la pubblicazione di commenti, siano essi critici o positivi, ritenendoli una potenziale fonte di arricchimento dei contenuti degli articoli e del dibattito intorno ad essi. I commenti inseriti sono sottoposti a pre-moderazione. Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti ritenuti volgari, offensivi, che richiamino a comportamenti illegali o che, ad insindacabile giudizio della Redazione, saranno ritenuti inadeguati.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*